rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Ambulatori mobili dedicati

Emergenza Ucraina: 748 profughi presi in carico a Piacenza, 430 i tamponi eseguiti

I positivi al Covid-19 finora accertati sono 5, 15 le vaccinazioni eseguite. Prevista l’attivazione di due postazioni con accesso riservato a Castel San Giovanni e Fiorenzuola, i dettagli

Emergenza Ucraina, 748 i profughi presi in carico a Piacenza, 430 i tamponi Covid-19 finora eseguiti. A fare il punto l’Usl di Piacenza, nel corso dell’aggiornamento settimanale sull’andamento della pandemia sul territorio. Delle persone giunte dall’Ucraina a Piacenza circa la metà (342) hanno tra gli 0 e i 18 anni, 337 hanno tra i 19 e i 49 anni, mentre gli over 50 sono complessivamente 67. Le donne sono il 69%. Per 702 è stato emesso il codice Stp (stranieri temporaneamente presenti), mentre i tamponi effettuati sono 430. «Non tutti gli ucraini transitati in Questura, infatti - spiega l’Ausl - si sono poi recati all’ambulatorio mobile allestito nel parcheggio di viale Malta». I positivi al Covid-19 finora accertati sono 5, 15 le vaccinazioni somministrate.

«L’ambulatorio mobile attivo dietro alla Questura è aperto dal lunedì al sabato dalle ore 10 alle 18. Qui sono fatti i tamponi antigenici rapidi per la diagnosi di eventuale infezione da virus Sars-Cov-2; gli operatori sanitari verificano lo stato vaccinale della persona e propongono le somministrazioni mancanti. Bambini e adulti, a seconda appunto dell’età, sono poi indirizzati con un appuntamento alla Pediatria di Comunità o Medicina delle Migrazioni per una presa in carico specifica».

«Per favorire la presa in carico dei profughi ucraini che nei giorni scorsi non hanno seguito il percorso per ricevere l’assistenza sanitaria offerta dall’Azienda USL di Piacenza - aggiunge la nota - è prevista l’attivazione di due postazioni in provincia: - a Castel San Giovanni, nell’hub vaccinale, giovedì 17 marzo dalle ore 14.30 alle 16.30 - a Fiorenzuola, nell’hub vaccinale, venerdì 18 marzo dalle ore 14.30 alle 16.30

Nei due centri è possibile, con accesso riservato a profughi ucraini, verificare e generare l’Stp, fare un tampone antigenico, fare la vaccinazione anti Sars-COV-2, verificare lo stato vaccinale e ricevere un appuntamento per la presa in carico in Pediatria di Comunità o Medicina delle Migrazioni (a seconda dell’età).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza Ucraina: 748 profughi presi in carico a Piacenza, 430 i tamponi eseguiti

IlPiacenza è in caricamento