Enìa: "Incendio nell'impianto di cernita, recupero e triturazione dei rifiuti speciali"

Arrivano maggiori dettagli sul rogo di giovedì scorso al Centro impianti Enìa di Borgoforte. La multi-utility fa sapere come il fuoco sia scoppiato in "una struttura destinata alla separazione di cartone, plastica, legno e metallo". Nel luogo non è accolto nessun tipo di rifiuto tossico o pericoloso

Dopo il grosso incendio di giovedì scorso a Borgoforte, Enìa interviene sulla modalità del rogo specificando cosa, in realtà, sia stato colpito dalle fiamme. A bruciare non è stato l'inceneritore - come le primissime notizie indicavano - bensì un impianto di "cernita, recupero e triturazione". Al momento, però, non si conoscono ancora le cause dell'innesco. Ecco il comunicato ufficiale della multi-utility. 


L’incendio divampato presso il Centro impianti Enìa di Borgoforte ha interessato l’impianto di cernita, recupero e triturazione dei rifiuti speciali assimilabili e dei rifiuti urbani ingombranti, una struttura destinata alla separazione di cartone, plastica, legno e metallo, provenienti da attività produttive e dalle stazioni ecologiche attrezzate, al fine dell’avvio a recupero.
L’incendio all’impianto, che non accoglie nessun tipo di rifiuto tossico o pericoloso, ha prodotto una nube di fumo che è fuoriscita dal Centro Impianti dirigendosi, per effetto dei venti, verso la frazione di Gerbido.
L’innesco dell’incendio, avvenuto intorno alle ore 18,40, è stato tempestivamente riscontrato attraverso il sistema di sorveglianza interno che ha consentito di attivare il primo intervento dei servizi interni Enìa e, contestualmente, la chiamata ai Vigili del Fuoco di Piacenza, prontamente giunti sul luogo, e quella diretta al pronto intervento Arpa.
Sul posto sono intervenuti anche: il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL, la Questura di Piacenza e la Polizia Scientifica, i Carabinieri, la Polizia Municipale e la Protezione Civile.
Alle ore 21,30 circa l’incendio è stato domato con la conseguente cessazione di produzione di fumi.
Enìa sta attualmente effettuando una prima stima dei danni causati delle fiamme e le verifiche sulla stabilità strutturale del capannone investito dall'incendio. Dai primi controlli dei Vigili del Fuoco non sarebbero emersi elementi per determinare una causa specifica per lo scoppio delle fiamme.
Enìa esprime un sentito ringraziamento ai Vigili del Fuoco che, con la consueta professionalità, hanno rapidamente sedato l’incendio, contenendo i danni e gli effetti dell’incidente.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento