Ennesimo bancomat assaltato nel Piacentino: è il sesto in poche settimane

La banda ha oscurato la telecamera e poi ha piazzato la carica esplosiva: è successo a Piazzale Torino, nel mirino il Credito Valtellinese

Il bancomat esploso (Foto E.Gatti)

Ennesimo bancomat fatto saltare nella notte: è il sesto assalto in poco più di un mese nel Piacentino. Questa volta a saltare in aria lo sportello del Credito Valtellinese in Piazzale Torino, solo il 3 marzo era toccato a quello della Banca Popolare di Lodi in piazzale Gramsci a Castelsangiovanni: in quell'occasione come in questa il colpo sarebbe riuscito e il bottino sarebbe quindi ingente (diverse migliaia di euro) anche perché i bancomat vengono caricati per il finesettimana e chi ha agito ovviamente lo sapeva. La banda, composta da almeno tre persone incappucciate che poi sarebbero scappate a bordo di un'auto berlina grigia o bianca, è entrata in azione alle 2.30 circa del 7 marzo. Il copione è sempre lo stesso: hanno oscurato la telecamera, poi hanno forzato con un piede di porco un'entrata laterale e dopo aver piazzato la carica esplosiva sul retro dello sportello l'hanno fatto esplodere. Il boato ha svegliato alcuni residenti che prontamente hanno chiamato il 113: tutti concordano sul fatto di aver visto un'auto berlina chiara in fuga. Come negli altri casi si tratta di un colpo fulmineo studiato nei dettagli, frutto sicuramente di sopralluoghi e messo in atto da professionisti. Avrebbero arraffato i contanti custoditi nei cassetti per poi scappare a folle velocità sulla via Emilia Pavese. Sul posto sono arrivati in pochi secondi le guardie giurate di Sicuritalia e Metronotte Piacenza, con loro i poliziotti delle volanti e quelli della polizia scientifica che hanno avviato le indagini, sul posto anche i carabinieri del Radiomobile. Nelle ultime settimane ormai non si contano più i colpi di questo genere messi a segno in Lombardia e in Emilia Romagna. Nel nostro territorio è accaduto a Travo (4 febbraio), Fiorenzuola e Monticelli il 15 febbraio, a Caorso il 22 febbraio (i malviventi hanno desistito) ed infine il 3 marzo a Castelsangiovanni. Fuori provincia invece i colpi sono andati a segno a Capergnanica (Cremona),  Pizzighettone (Cremona), tre nel Ravennate in una notte e poi ancora altri tre nel Bolognese. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento