Cronaca

«Entro l'anno nuove linee elettriche più resistenti agli eventi meteorologici»

Incontro in Prefettura per fare il punto sulla situazione dei boschi e sullo stato dei disservizi nell'erogazione dell'energia elettrica nelle zone colpite dal gelicidio del dicembre 2017

Il gelicidio

Per fare il punto sulla situazione dei boschi e sullo stato dei disservizi nell'erogazione dell'energia elettrica nelle zone colpite dal gelicidio del dicembre 2017, si è svolta al palazzo del Governo una riunione presieduta dal prefetto, Maurizio Falco. Nel corso dell’incontro, è stato evidenziato che l’ingente quantitativo di legname e ramaglia secca sia caduta a terra sia ancora sulle chiome, oltre a rendere difficoltosa la circolazione, costituisce un elevato rischio di incendi boschivi nei prossimi mesi. Il prefetto ha, pertanto, invitato i carabinieri forestali a far pervenire ai presidenti delle Unioni e ai sindaci interessati una relazione in cui sia puntualmente descritto lo stato di potenziale rischio collegato alla situazione attuale perché possa essere attivata ogni sinergia e misura idonea. 

Sul fronte dei servizi essenziali, i rappresentanti di E.Distribuzione hanno fatto riferimento al “Piano Resilienza”, ovvero al piano di lavori che consentirà di dotare nel 2018, numerosi comuni piacentini di nuove linee elettriche, più resistenti agli eventi meteorologici. In particolare, il prefetto ha richiamato l’attenzione sui generatori di corrente, soprattutto sulla possibilità che ciascun comune individui degli spazi dove gli stessi possano essere installati, in caso di situazioni emergenziali. La significativa partecipazione dei rappresentanti di Telecom - si legge in una nota ufficiale - ha fatto emergere una diversità di valutazione sui parametri di verifica della effettività del servizio tra copertura della popolazione utente e  del territorio.

In merito alla rete fissa, Telecom ha assicurato una disponibilità a verificare ulteriormente lo stato delle infrastrutture di supporto, sulla base delle puntuali segnalazioni dei comuni.  Per la rete mobile si è riproposto il noto tema della sostenibilità economica per i gestori tutti (non solo Telecom) sul territorio. Falco ha ribadito "di non poter accettare una visione meramente economicista del sistema che rappresenta, in primo luogo, un pilastro essenziale per le azioni e le responsabilità di protezione civile, specie in situazione di emergenza". A questo proposito, d’intesa con la Regione, saranno valutate tutte le iniziative percorribili per accelerare i tempi di soluzioni che pure sono in cantiere, proprio alla luce della ciclicità di eventi atmosferici non più imprevedibili, e comunque, in vista della prossima stagione estiva. Il prefetto ha annunciato una prossima riunione, non appena i carabinieri forestali avranno terminato le proprie considerazioni e avranno informato i sindaci, la Regione e gli enti gestori dei servizi essenziali. 

Erano presenti il presidente della Provincia, il comandante del gruppo dei carabinieri forestali, il vice comandante dei vigili del fuoco, i presidenti dell’Unione Alta Val Trebbia e Alta Val d’Arda, i sindaci di Gazzola, di Coli e di Bettola nonchè rappresentanti della Regione, dell’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile, dell’Unione dei Comuni Via Emilia Piacentina, Bassa Val Trebbia Val Luretta, Alta Val Nure, del Comune di Piacenza e rappresentanti delle società E.Distribuzione e Telecom.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Entro l'anno nuove linee elettriche più resistenti agli eventi meteorologici»

IlPiacenza è in caricamento