Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Castelvetro Piacentino / Via Roma

Usura ed estorsione ai danni di un imprenditore, piacentino in manette

Tre italiani arrestati per usura ed estorsione ai danni di un imprenditore bresciano: a fronte di un prestito di 135mila euro, ne hanno chiesti 212mila. Tra loro, anche un piacentino 41enne di Castelvetro

L'indagine è stata condotta in collaborazione tra i carabinieri di Brescia e Fiorenzuola

Tre italiani, uno di 39 e due di 41 anni, arrestati per usura ed estorsione con le aggravanti del concorso e della continuazione. Tra loro, anche un piacentino di Castelvetro, mentre un altro dei tre, residente a Casalpusterlengo, è titolare di uno studio profesisonale a Piacenza.

E' il bilancio di un'operazione dei carabinieri della compagnia di Desenzano in collaborazione con i comandi dell'arma di Cremona, Piacenza e Lodi.Le indagini erano cominciate nel luglio 2011 dopo la denuncia di un artigiano della zona di Desenzano sul Garda, nel Bresciano, che si era rivolto ai tre uomini in cerca di liquidità per superare alcune difficoltà economiche.

Dalle indagini dei militari è emerso come i tre uomini arrestati avessero prestato alla vittima, in diverse tranche, 135 mila euro in tutto, per poi pretendere la restituzione dopo un mese di 212 mila euro.Nelle scorse ore i militari hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa lo scorso 7 giugno dal Gip del Tribunale di Cremona. I carabinieri piacentini hanno perquisito, oltre che l'abitazione del 41enne di Castelvetro, anche lo studio a Piacenza del Lodigiano. I tre uomini si trovano ora nelle carceri dei rispettivi comuni di residenza: per quanto riguarda il 41enne di Castelvetro, stamattina è stato condotto in carcere alle Novate dai carabinieri della Compagnia di Fiorenzuola.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Usura ed estorsione ai danni di un imprenditore, piacentino in manette

IlPiacenza è in caricamento