Esselunga, paga due euro di carta igienica e prova a scappare col carrello pieno

Via Conciliazione, denunciato dalla polizia un tunisino di 37 anni che con il servizio "Presto Spesa" ha cercato di rubare 765 euro di merce pagando solo due euro

Un terminale "Presto Spesa" di Esselunga

Paghi due e porti via tre. Anzi, paghi due euro e ne porti via 765. Deve avere pensato a qualche strana offerta speciale il tunisino di 37 anni che ha tentato di andarsene come se nulla fosse dall’Esselunga con un carrello colmo di merce, pagando soltanto na confezione di carta igienica. Purtroppo per lui gli addetti alla sicurezza se ne sono accorti e hanno chiamato la polizia che lo ha denunciato a piede libero.

L’episodio è accaduto sabato 6 dicembre al supermercato di via Conciliazione. Lo straniero ha riempito il suo carrello con merce di ogni genere: piccoli elettrodomestici, generi alimentari e altro ancora fino a raggiungere un totale di 765 euro. Giunto alla cassa riservata ai clienti in possesso di tessera per la spesa rapida, ha però pagato soltanto un pacco di carta igienica da due euro, ottenendo così lo scontrino con il codice che gli avrebbe permesso di far aprire le porte automatiche e di andaresene. Purtroppo per lui, però, gli addetti alla sicurezza si erano già accorti che qualcosa non andava e lo hanno tenuto d’occhio. All’uscita è stato bloccato con il carrello pieno ed è stata chiamata la polizia. Inevitabile per lui la denuncia a piede libero per furto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento