Evade dai domiciliari dopo furti in clinica, 43enne finisce in carcere

Protagonista un trapanese di 43 anni che è evaso più volte dai domiciliari. Gli agenti della sezione Catturandi della Mobile della polizia lo hanno portato in carcere in attesa del processo

Immagine di repertorio

Si fingeva un visitatore per poi derubare i pazienti ricoverati, era ai domiciliari in attesa del processo per furto, è evaso più volte e nella giornata del 6 novembre i poliziotti della sezione Catturandi della squadra mobile lo hanno raggiunto nella sua abitazione e portato in carcere in seguito all'aggravamento di pena deciso dal tribunale, vista la sua condotta. Un trapanese di 43 anni, aveva compiuto almeno cinque furti nei reparti della clinica San Giacomo di Pontedellolio tra il 2009 al 2014: si fingeva un parente e quando non era visto rubava contanti e portafogli dalla camere dei degenti. Era stato incastrato all'epoca dalle telecamere di sorveglianza e denunciato più volte dai carabinieri. Era stato messo ai domiciliari in attesa del processo, aveva comunque alle spalle diversi precedenti, ma era evaso diverse volte. Ora si trova alle Novate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento