rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca Gazzola / Via Roma

Fanno il pieno poi aggrediscono la titolare e rubano l'incasso

Seconda rapina in un anno, nel pomeriggio del 21 agosto, all'area di servizio Keropetrol a Tuna di Gazzola. La titolare di 69 anni, è stata afferrata alle spalle mentre un complice le ha strappato il marsupio con l'incasso di alcune centinaia di euro

Aggredita da quattro rapinatori e gettata a terra. Fortunatamente se l'è cavata solo con qualche contusione e tanto spavento, ma la titolare dell'area di servizio Keropetrol di Tuna di Gazzola, una piacentina di 69 anni, deve essersela vista brutta mentre un rapinatore la immobilizzava da dietro e il complice le strappava il marsupio con l'incasso. Il fatto è accaduto nel pomeriggio del 21 agosto all'area di servizio sulla strada provinciale 7 dove sono arrivati in quattro a bordo di un'auto grigia di grossa cilindrata. Hanno fatto il pieno ma al momento di pagare hanno rapinato la donna e poi sono fuggiti. Delle indagini si stanno occupando i carabinieri della Compagnia di Bobbio.

Purtroppo non è la prima volta che la piacentina se la vede così brutta. Il 22 luglio del 2011, praticamente un anno fa, due banditi armati di taglierino l'avevano minacciata portandole via, anche quella volta, l'incasso di alcune centinaia di euro. L'aggressione stavolta è avvenuta intorno alle 19. Un'auto grigia di grossa cilindrata è arrivata all'area Keropetrol nei pressi dell'incrocio. A bordo erano in quattro, probabilmente stranieri. Due sono scesi per fare rifornimento, gli altri due sono rimasti a bordo. Terminato il pieno di benzina, la donna si è avvicinata per essere pagata, ma uno dei due malviventi l'ha afferrata di colpo da dietro immobilizzandola, il complice intanto da davanti le ha strappato il marsupio con il denaro, poi l'ha spina a terra facendola cadere. Il bottino è di poche centinaia euro in contanti. L'auto dei rapinatori è poi fuggita a tutta velocità facendo perdere le tracce. La donna è stata accompagnata per accertamenti in ospedale a Castelsangiovanni ma le sue condizioni non preoccupano. I carabinieri del Nucleo operativo di Bobbio nel frattempo l'hanno ascoltata e avviato le indagini.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fanno il pieno poi aggrediscono la titolare e rubano l'incasso

IlPiacenza è in caricamento