Federconsumatori regionale su Seta: «Non affronta il miglioramento del servizio»

Federconsumatori Emilia Romagna: «Discutibile la scelta del nuovo management di Seta di concentrare gli sforzi maggiori nell'organizzazione del personale, mettendo in secondo piano le enormi potenzialità di sviluppo del servizio che possono derivare dal miglioramento delle condizioni di trasporto dei passeggeri»

Autobus (immagine di repertorio)

«Il nuovo management di Seta - si legge in una nota di Federconsumatori Emilia Romagna - lamenta una difficile situazione patrimoniale, addebitata alle perdite d'esercizio del 2012 (3,5 milioni di euro) e non riassorbite con i bilanci degli anni successivi, in sostanziale pareggio. Una situazione patrimoniale che preoccupa Seta in vista delle prossime gare di affidamento del servizio previste a breve nel bacino di Piacenza e successivamente per i bacini di Modena e Reggio Emilia, ma che non ha impedito alla società di trasporto di iniziare un lungo braccio di ferro con il sindacato sull'introduzione del controllo satellitare delle corse, senza coinvolgere gli utenti sui possibili vantaggi».

«Alla prova dei fatti - continua la nota - Federconsumatori deve registrare la scarsa propensione della nuova dirigenza di Seta al confronto con le rappresentanze dell'utenza, rinviando dallo scorso settembre la richiesta di incontro avanzata dall'associazione, un atteggiamento inaccettabile per un'impresa di trasporto pubblico finanziata con risorse pubbliche e i ricavi delle vendite dei biglietti ai passeggeri. Le leggi vigenti (e il buon senso) prevedono un confronto specifico con le rappresentanze dell'utenza in materia di costi e qualità del servizio o, come accade in questi giorni, sull'adozione delle tariffe agevolate per le categorie disagiate».

«Discutibile la scelta del nuovo management di Seta - continua Federconsumatori Emilia Romagna - di concentrare gli sforzi maggiori nell'organizzazione del personale, mettendo in secondo piano le enormi potenzialità di sviluppo del servizio che possono derivare dal miglioramento delle condizioni di trasporto dei passeggeri. Federconsumatori ribadisce la prioritaria necessità di mettere in campo un piano di rilancio complessivo del trasporto pubblico con il coinvolgimento di imprese, enti locali e cittadini/utenti, i veri finanziatori del servizio. Questa, sì, una condizione necessaria per partecipare alle gare per l’affidamento del servizio e un'occasione per gli utenti per una valutazione tra il presente e le proposte di imprese potenzialmente concorrenti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Annega nel Po per salvare il suo cane finito in acqua

  • Travolto da un'auto lungo la Statale, è grave

  • Quattro feriti nello scontro sulla via Emilia

  • Bonus Covid da 600 euro ai parlamentari, la Lega sospende il deputato piacentino Elena Murelli

  • Rischia di annegare nella piscina di casa, salvata

  • Bonus covid ai parlamentari, la piacentina Murelli accusata dai giornali replica «No comment»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento