Guida drogato e prende a calci un carabiniere: 23enne arrestato a Nibbiano

Ha resistito ai carabinieri, ne ha colpito uno ed è stato trovato alla guida sotto effetto di stupefacenti. I militari hanno arrestato un 23enne piacentino a Nibbiano

Immagine di repertorio

Ha resistito ai carabinieri, ne ha colpito uno ed è stato trovato alla guida sotto effetto di stupefacenti. E’ stato processato per direttissima, il 13 ottobre, un piacentino di 23 anni accusato di resistenza, lesioni e guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti. Il giudice Maurizio Boselli ha convalidato l’arresto eseguito dai carabinieri di Pianello e ha rinviato il processo perché l’avvocato difensore Luigi Ruggeri ha chiesto tempo per preparare il caso. Il giudice ha rimesso in libertà il giovane.

Nella serata di domenica 11 ottobre, a Nibbiano, una pattuglia dei militari di Pianello ferma una vettura a Nibbiano con due giovani a bordo. I carabinieri chiedono i documenti al giovane. Lui avrebbe detto di aver fumato un po’ di hascisc qualche giorno prima. Poi comincia un alterco che si tramuta nella resistenza dell’autista il quale si dimena. Scoppia uno scontro fisico con un militare che viene colpito a calci. Il 23enne, che è incensurato, viene arrestato. Tutti finiscono al pronto soccorso. Il carabiniere viene medicato e dimesso con una prognosi di venti giorni. Il ragazzo, riporta una lesione a un orecchio e ha alcuni giorni di prognosi. Le analisi del sangue hanno confermato la presenza di stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento