Ferriere, la cooperativa "Monte Ragola" spegne 40 candeline

Quarant’anni di importanti azioni a favore della produzione zootecnica,della difesa e tutela del patrimonio ambientale e paesaggistico in montagna. Una sfida partita nel maggio 1975 a Rompeggio e Pertuso di Ferriere

i soci e le autorità (foto Labati)

Grande festa a Rompeggio e Pertuso per il quarantesimo compleanno della Cooperativa agricola forestale “Monte Ragola”. I Soci, la gente, il sindaco Giovanni Malchiodi, il parroco don Roberto Scotti, dirigenti dell’Unione Cooperative e tanti amici dell’importante realtà imprenditoriale  si sono ritrovati nella sede, a monte di Rompeggio sulla strada per Pertuso, dove sono state edificate  numerose infrastrutture, come la capiente stalla che ospita durante i mesi invernali i capi bovini limousine (razza da carne), porticati per il ricovero dei mezzi agricoli, una casa, un  vasto piazzale e da ultimo fienile per lo stoccaggio dei foraggi.

Era il 24 maggio 1975, quando a Rompeggio, dieci coraggiosi soci, tutti cittadini della zona, vincendo le remore dell’individualismo, si sono associati, hanno formato una Cooperativa, hanno avuto fiducia in Giovanni Cavanna, che da Genova era appena tornato “a casa”, iniziando un’avventura imprenditoriale contrassegnata da continui progressi, affermazioni di lavoro e soprattutto di grande valore sociale.

aldo testa premia cavanna a nome della cooperativa-2 cavanna con il direttore prov confcooperative e il direttore regioale-2 IMG_9922-2

In questi 40 anni la Cooperativa, avvalendosi di forze lavoro locali, ha operato nella forestazione, ha eseguito lavori di recinzione, ha allevato bestiame da carne, ha “aperto” una riserva di caccia, ha “esportato” a Genova concime naturale per giardini pubblici, ha rifornito numerose pizzerie della città ligure di legna per i forni, ha contribuito a mantenere le bellezze dello stupendo ambiente, ha permesso a numerose famiglie di trarre da tale realtà il reddito di vita.

E domenica scorsa in un angolo del capiente piazzale, dopo la messa celebrata dal parroco don Roberto, i 28 Soci attraverso il consiglio di amministrazione hanno voluto premiare il presidente Cavanna per i 40 anni di guida dedicati con dedizione e assiduità. La targa gli è stata consegnata da Aldo Testa. Un secondo atto di riconoscenza è arrivato dalla stessa comunità di Pertuso attraverso Teresa Iselli.

Alla cerimonia hanno pure presenziato il direttore provinciale dell’Unione Cooperative Nicoletta Corvi, il direttore regionale Pierlorenzo Rossi e l’ex presidente provinciale della stessa associazione Rinaldo Onesti. Il Direttore provinciale ha poi letto una comunicazione inviata a Cavanna dal presidente nazionale Maurizio Gardini:

don Roberto Scotti-2 teresa iselli a nome di pertuso premia cavanna-2

“Il Suo impegno e dedizione, insieme a quello dei soci ed amministratori della Cooperativa, hanno consentito di rendere la Vostra realtà un'importante risposta economica ed ambientale a favore della produzione zootecnica e della difesa e tutela del patrimonio ambientale e paesaggistico del Vostro territorio. La Sua esperienza è un esempio importante del lavoro fondamentale che la cooperazione svolge nell'interesse del bene comune e nel trasferire alle generazioni future il patrimonio di cui la cooperativa è depositaria, che è innanzitutto, la salvaguardia della vitalità dei territori e la risposta ai bisogni delle loro Comunità locali”. Il direttore regionale ha quindi consegnato al presidente avanna un prezioso oggetto ricordo. E’ seguito ed ha concluso la manifestazione un signorile rinfresco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Cade dalle scale di casa e batte la testa, è grave

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Solo in Italia e ricoverato in ospedale a Piacenza, i poliziotti delle volanti si prendono cura del suo cane

Torna su
IlPiacenza è in caricamento