Fiorenzuola, celebrata la Giornata della cultura ebraica con canti e letture

Il cimitero ebraico di Fiorenzuola, aperto ai visitatori per tutta la giornata, ha ospitato una mostra, canti, letture e riflessioni prendendo ispirazione dagli scritti e dalle opere di importanti autori ebrei

Sono stati gli alunni e gli insegnanti dell'Istituto Comprensivo di Fiorenzuola, con il sostegno del'assessorato alla Cultura del Comune di Fiorenzuola, di Italia Nostra sezione Fiorenzuola e Valdarda e all'associazione culturale Aquilone Emilia, ad animare la Giornata Europea della Cultura Ebraica.

IL RUOLO DELLA CULTURA EBRAICA - Il cimitero ebraico di Fiorenzuola, aperto ai visitatori per tutta la giornata, ha ospitato una mostra, canti, letture e riflessioni prendendo ispirazione dagli scritti e dalle opere di alcuni tra i più importanti artisti di cultura ebraica come Isaac B. Singer, Giorgio Bassani, Marc Chagall, Amedeo Modigliani e di Carlo Levi. "Siamo convinti che la memoria sia un valore fondamentale, che va coltivato ogni giorno - ha osservato Gianfranco Arcari, assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Fiorenzuola - anche per la nostra città la cultura ebraica ha avuto un ruolo di rilievo nel passato e mi fa piacere che oggi siano i ragazzi dell'Istituto Comprensivo i protagonisti di questa giornata".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A FIORENZUOLA C'ERA LA SCUOLA RABBINICA - Luigi Ragazzi, presidente di Italia Nostra sezione Fiorenzuola e Valdarda, ha evidenziato l'importanza della comunità ebraica Fiorenzuolana: "Basti un dato: nel settecento Fiorenzuola era sede di una delle cinque scuole rabbiniche italiane. Altre due comunità ebraiche di un certo rilievo si trovavano a Cortemaggiore e Monticelli d'Ongina". Giuseppe Pighi, insegnante, ha quindi ricordato il coinvolgimento degli alunni dell'Istituto Tramello di Piacenza nell'intervento di recupero del cimitero ebraico di Fiorenzuola, che conserva cippi e steli, per la maggior parte in marmo di Carrara, di gusto tardo ottocentesco: "Ricordo, in modo particolare, anche la partecipazione di uno studente di religione musulmana, che ha dovuto chiedere, ottenendolo, il permesso ai genitori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento