Fipe: «Le pizzerie d'asporto o piadinerie non possono "comportarsi" da bar»

"Non basta la grave crisi che sta colpendo le nostre aziende ora anche la concorrenza sleale di coloro che pur non avendo la qualifica di pubblico esercizio si comportano come tale" così Lertora (presidente Fipe)

"Non basta la grave crisi che sta colpendo le nostre aziende ora anche la concorrenza sleale di coloro che pur non avendo la qualifica di pubblico esercizio si comportano come tale, questa situazione non deve continuare, le regole valgono per tutti, per noi come per loro". Questa la posizione del Presidente della FIPE Cristian Lertora, l’associazione che raggruppa i locali e i ristoranti aderenti all’Unione Commercianti, nei confronti di tutte quelle realtà, "vedasi ad esempio pizzerie d’asporto, panetterie ecc., che operano al di fuori delle regole e che di fatto si comportano come veri e propri bar".

"MOLTE LAMENTELE" - "Sempre più spesso gli associati si rivolgono a noi per lamentare di comportamenti scorretti tenuti da locali che non hanno i requisiti di pubblico esercizio. La mia critica - precisa il Presidente Lertora - non vuole certo essere rivolta a tutti coloro che operano in questi settori. La maggior parte, ne sono certo, rispetta le regole e si attiene a quanto stabilito dalla legge, ma molti altri operano come pubblici esercizi pur non avendone le caratteristiche. Non voglio - sottolinea il Presidente Lertora - che queste mie affermazioni suonino come l’ennesimo esempio di difesa di una casta ma come l’invito a far rispettare le regole che ancora esistono, così come a noi viene richiesto di rispettare quelle che ci riguardano".

QUALIFICA SAB - "Non trovo infatti corretto che ci siano soggetti che 'infischiandosene' di quanto stabilito si mettono ad operare indiscriminatamente pur non avendone i requisiti, requisiti magari acquistati con fatica dai titolari dei locali pubblici. Mi riferisco, ad esempio, alla qualifica SAB, riconoscimento indispensabile per coloro che vogliono svolgere la nostra attività e che garantisce al consumatore che l’esercente, dal quale sta acquistando il prodotto, si è sottoposto ad un corso nel quale ha appreso una serie di regole in materia di igiene e sanità (solo per citare un argomento di lezione)".

"VENDERE SOLO QUELLO CHE PRODUCONO" - "Voglio ricordare - precisa Lertora - ciò che è consentito e ciò che non lo è. Per coloro ai quali è consentita la vendita sul posto, mi riferisco ad esempio alla pizzerie d’asporto, alle piadinerie, alle panetterie ecc., è ammessa esclusivamente la vendita di prodotti di gastronomia frutto del loro operato (o generi di panificazione di propria produzione, nel caso dei panificatori artigianali) ma non anche la vendita di bevande alcoliche ed analcoliche o di frutta o dolci (o di generi di gastronomia diversi da pane e pizze per i panificatori). Inoltre, non possono essere utilizzati spazi ed aree pubbliche, tavoli, sedie, tovaglie o stoviglie riutilizzabili ma solo mensole e simili piani di appoggio, stoviglie a perdere e non deve essere prestato alcun servizio aggiunto alla consegna del prodotto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"C'E' QUALCHE FURBETTO" - "Se per aprire un bar - continua il presidente Lertora - esistono delle regole alle quali dobbiamo sottostare, non comprendo come mai ci debbano essere i soliti 'furbetti' che se ne fregano e aprono indiscriminatamente senza che nessuno intervenga. Chiedo alle forze dell’ordine e a quanti sono deputati al controllo di questi soggetti, di operare insieme a noi perché coloro che si comportano in maniera scorretta vengano ripresi e richiamati al rispetto delle regole. Nessuno vieta loro di esercitare l’attività di somministrazione, basta che lo facciano, come tutti noi, seguendo le normative previste".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento