Rottofreno: presi ladri di fitofarmaci grazie "all'occhio lungo" di un cittadino

E' andata male alla banda di ladri che aveva appena svaligiato il consorzio agrario di Rottofreno. Gli agenti delle volanti sono riusciti a intercettare l'auto grazie ad un cittadino

img_6245E' andata male alla banda di ladri che aveva appena svaligiato il consorzio agrario di Rottofreno per portare via i classici fitofarmaci. Infatti gli agenti delle volanti sono riusciti a intercettare l'auto sulla quale i ladri stavano scappando. Si è rivelato fondamentale il contributo di un cittadino che, passando in quel momento, ha notato alcuni individui che scavalcavano il cancello del consorzio agrario.

L'INSEGUIMENTO - Quando i ladri sono stati fermati in via Einaudi, dopo un breve inseguimento, sono stati trovati in possesso, oltre che di diversi arnesi da scasso e guanti, anche di un "jammer" (nella foto in basso), ovvero un sofisticato apparecchio da guerra elettronica in grado di neutralizzare i sistemi di allarme delle aziende. In manette sono finiti tre uomini di 32, 36 e 44 anni, originari di Canosa,in provincia di Bari, uno dei quali aveva già precedenti penali specifici proprio per furto di fitofarmaci. Questa mattina sono stati processati per direttissima. L'avvocato piacentino Silvia Preda, che difende tutti e tre, ha chiesto i termini a difesa e il giudice ha rinviato l'udienza e disposto nel frattempo la custodia cautelare in carcere.

img_6249

IL FURTO - La banda è entrata in azione intorno alle due di questa notte. A bordo di una Renault Clio sono arrivati fin davanti al consorzio agrario di Rottofreno, dopodiché hanno scavalcato il cancello e hanno puntato dritti al magazzino dei prodotti fitofarmaci. Facevano la spola e si passavno gli scatoloni sopra il cancello per caricarli sull'auto, ma proprio in quel momento è passato un piacentino in auto che ha notato la scena abbastanza strana, e ha deciso di seguire la loro auto che nel frattempo era partita in direzione di Piacenza. In via Einaudi ha incrociato una volante della polizia, e ha subito indicato l'auto sospetta agli agenti che si sono subito messi all'inseguimento. La Clio è stata fermata poco dopo dalla pattuglia, e i tre sono stati ammanettati en portati in questura. Per loro l'arresto in flagranza per furto aggravato. Non essendo scattato l'allarme del consorzio non appena i ladri sono entrati, la polizia sospetta che abbiano utilizzato l'apparecchio elettronico che avevano per neutralizzare le onde radio del sistema di allarme collegato alla questura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento