Via Marzioli e Via Negrotti, due colpi falliti: si indaga sulla pista nomade

Il primo furto non è andato a segno per colpa dei cani che abbaiando hanno messo in fuga i malviventi. Un altro furto è fallito perché i ladri non si erano accorti della presenza dei proprietari in casa

Ladri sfortunati, se così si può dire, nelle ultime ore in città. Due infatti i colpi che sono falliti, e sui quali stanno indagando gli agenti della squadra volanti. Stando alle modalità rilevate dagli agenti, l’ipotesi più accreditata, al momento, è che si tratti di alcuni nomadi.

Il primo furto, nelle intenzioni dei malviventi, avrebbe dovuto essere portato a segno in un garage di via Marzioli, nel quartiere della Besurica, ma probabilmente i ladri sono stati disturbati da alcuni cani che hanno iniziato ad abbaiare. Gli sconosciuti hanno agito nella notte tra lunedì e ieri, scavalcando un cancello e arrivando davanti al portone basculante del garage di una villetta. Qui, con un trapano, hanno perforato la serratura vicino alla maniglia, ma devono aver fatto troppo rumore e i cani del vicino si sono messi ad abbaiare. I ladri probabilmente volevano mettere le mani sull’auto chiusa all’interno della rimessa, per poi utilizzarla sicuramente per portare  a segno altri colpi. Ad accorgersi della “visita” notturna, ieri a mezzogiorno, è stato il proprietario che ha notato il foro da due centimetri di diametro sulla serratura, e ha subito chiamato la polizia.

All’alba di questa mattina, intorno alle 5,20, la volante è invece stata chiamata ad intervenire in un’abitazione di via Negrotti, dove il proprietario si è accorto che sulla finestra della sua cucina – che dà proprio sulla strada – c’erano dei segni di forzatura. I ladri infatti avevano appena cercato di introdursi in casa sua, pensando che tutti fossero ancora a letto, ma il padrone di casa era invece già sveglio, e quando ha acceso la luce della cucina ha involontariamente messo in fuga i malviventi. Le ricerche nella zona da parte della pattuglia non hanno però dato esito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sembrava che si trattasse di ladri all’opera anche in un terzo caso, ieri sera alle 22 in via Santa Franca. Una residente ha infatti chiamato il 113 dicendo che in soffitta sentiva dei rumori sospetti. Sul posto si sono precipitate due volanti, ma si è scoperto che i ladri, in questo caso, non c’entravano proprio nulla. Invece era un vicino di casa della donna (piacentino di 48 anni) che, completamente ubriaco, stava armeggiando un po’ troppo rumorosamente in soffitta. Per lui è ugualmente scattata la denuncia per disturbo del riposo delle persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento