Furto del Klimt, sentiti i custodi dell’epoca che confermano i loro racconti

Interrogati come testimoni. All’epoca i tre addetti della Galleria vennero indagati e poi prosciolti

Il Klimt alla Banca d'Italia

Nella lunga inchiesta che ha fatto seguito al ritrovamento del Ritratto di signora del Klimt, sono stati di nuovo sentiti in procura due dei tre custodi che all’epoca erano in servizio alla Galleria Ricci Oddi. E fu proprio uno di loro a scoprire che il dipinto del pittore austriaco era sparito. I tre, sentiti nelle scorse settimane come persone informate sui fatti avrebbero - nonostante lo stretto riserbo che copre l’indagine - in sostanza confermato il racconto fatto all’epoca del furto nel 1997. I tre vennero indagati, all’epoca, e poi prosciolti dopo due anni e mezzo di indagini: Alfonso Carini, Gaudenzio Coppi e Franco Fervari (quest’ultimo è deceduto).

L’ennesimo tassello dell’indagine emerge pochi giorni dopo  che è venuto alla luce il secondo indagato: Rossella Tiadina, vedova di Stefano Fugazza, compianto direttore della Galleria Ricci Oddi. Tadina, insieme con Valeriano Beltrame, è indagata con l’ipotesi di accusa di ricettazione. Resta un terzo indagato, per furto (reato che è prescritto e che con probabilità sarà destinato alla richiesta di archiviazione). Fugazza quando - nel gennaio 1997 - venne rubato il Ritratto di Signora di Gustav Klimt, era direttore della Galleria d’arte moderna. Legati al suo nome ci sono anche alcuni diari che potrebbero contenere elementi utili a svelare il mistero su quel furto compiuto 23 anni fa. Nei diari, si sarebbe ipotizzato un finto furto del celebre dipinto, così da far risaltare ancora di più una mostra che si sarebbe inaugurata di lì a poco a Palazzo Gotico intitolata “Da Hayez a Klimt”. Resta, poi, anche il mistero della cornica originale ritrovata all’interno della Galleria,  vicino a un lucernario - venne poi scoperta anche una scala interna segreta, di cui pochissimi erano a conoscenza - e sulla quale gli inquirenti, polizia e carabinieri, stanno ancora indagando.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 25 marzo

  • «Un anziano ammalato di Covid in gennaio a Piacenza potrebbe essere il paziente 1». Inchiesta di Report in una clinica piacentina

  • Coronavirus, l'aggiornamento del 27 marzo sui comuni del Piacentino

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 26 marzo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento