Tentarono di svaligiare il Mercatone, denunciati padre e figlio

Il 21 maggio era stato sventato un furto da migliaia di euro al Mercatone Uno a Rottofreno. Oggi dopo mesi di indagini i carabinieri hanno denunciato due romeni, padre e figlio, pregiudicati e residenti nel Pavese

I carabinieri e le guardie giurate la notte del tentato furto

La notte tra il 21 e il 22 maggio 2016 le guardie di Metronotte Piacenza avevano sventato un furto da migliaia di euro al Mercatone Uno a Rottofreno. Oggi i carabinieri della stazione di San Nicolò, dopo settimane di indagini hanno denunciato i presunti ladri. Si tratta di due romeni, padre e figlio di 30 e 55 anni, pregiudicati e residenti nel Pavese. I militari sono arrivati ai due dall'auto che avevano abbandonato nel parcheggio e dai cellulari che quella notte avevano agganciato la cella della zona. Nell'abitazione i militari hanno trovato diversi oggetti rubati. Sono stati quindi denunciati per furto aggravato in concorso. Tutto era accaduto intorno alle 3, quando una pattuglia dell’istituto di vigilanza piacentino aveva notato un’auto sospetta sulla via Emilia vicino al Mercatone. Era una Alfa 147 con a bordo due persone. Ad insospettire il metronotte è stato il particolare della targa: infatti era stato applicato un pezzo di nastro adesivo nero per cambiarne una lettera. Alla vista della pattuglia i ladri avevano abbandonato l’auto nel parcheggio del mercatone ed erano scappati a piedi. Quando i carabinieri del Radiomobile e guardie sono arrivate sul posto hanno trovato tutta la refurtiva che era stata accatastata all’esterno del Mercatone per essere trasportata altrove dai ladri, facendo la spola in un luogo sicuro Per entrare nel negozio, i ladri questa volta erano passati attraverso un condotto esterno dell’areazione. Dopo aver scavalcato un cancello, avevano sfondato una grata guadagnando l’ingresso nei locali commerciali. Per accatastare tutta quella merce devono aver lavorato indisturbati all’interno per almeno due ore, senza che però scattasse il sistema di allarme.  Erano già riusciti a portare fuori centinaia di oggetti di valore tra televisori, computer, telefoni, play station, cellulari e tablet messi in diverse valige. E ancora cosmetici, oggetti preziosi, casalinghi e altro ancora. Sequestrati alcuni arnesi da scasso abbandonati dai ladri, mentre tutta la merce è stata restituita ai proprietari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento