«Avevo un unico pensiero: portare a casa la pelle»

Il consigliere di Rivergaro Giampaolo Maloberti, storico militante leghista e presidente del consorzio “La Carne che Piace”, dopo un mese di terapia intensiva sta cercando di tornare alla normalità. «In Riabilitazione a Castello imparo di nuovo a muovermi dopo 70 giorni di letto»

Giampaolo Maloberti in una foto di repertorio

Giampaolo Maloberti ce l’ha fatta. Il consigliere di Rivergaro – noto per la sua lunga militanza leghista (è stato anche consigliere provinciale) e presidente del Consorzio “La Carne che Piace” – si trova in questo momento all’ospedale di Castelsangiovanni nel reparto di Riabilitazione, dopo oltre un mese in terapia intensiva (intubato e sedato), colpito dalla furia del Covid-19.

«Sono a Castello da 15 giorni – spiega Maloberti al telefono -  non so per quanto dovrò rimanerci. Chi è stato qui prima di me almeno un mese è stato trattenuto. Mi trovo in Riabilitazione perché devo imparare di nuovo a “stare in piedi”. Fortunatamente non ho avuto danni permanenti ai polmoni, quindi la mia riabilitazione è solo motoria. Dopo 70 giorni di letto non avevo più muscoli nelle gambe e nelle braccia, non mi muovevo proprio».

Dopo aver sconfitto il Covid, un’altra battaglia, stavolta meno insidiosa ma ugualmente importante: riappropriarsi delle proprie capacità protesta maloberti anti vegani consorzio carne 03-2motorie. «Non riuscivo a fare nulla quando sono arrivato, due settimane fa. Ora, giorno per giorno, recupero. Ho fatto dei progressi notevoli, ho camminato intorno al letto da solo, mi muovo».

Banale dirlo: un’esperienza molto pesante. «Una lotta portata avanti senza vedere più nessuno “dei tuoi” per dei tempi lunghissimi. Avevo il tubo nella trachea e non riuscivo a parlare, sono situazioni pesanti dal punto di vista psicologico. Anche adesso in Riabilitazione a Castello non può ancora entrare nessuno, sono in un letto e aspetto».

Nel corso della conversazione più volte il consigliere ribadisce il suo ringraziamento verso gli operatori sanitari. «Ringrazio tutte le strutture a cui sono stato affidato, a partire dall’ospedale di Bentivoglio (Bologna), al reparto di semi-rianimazione di Castello, dove sono arrivato in elicottero, all’attuale reparto di riabilitazione. Ho trovato dei medici con una grossa professionalità e anche con una grande disponibilità dal punto di vista umano. Cosa fondamentale, perché io da mesi non vedo i miei familiari, i miei affetti e gli amici. Sono da solo da tempo. Ci sono cose che vanno al di là della sanità, anche la “testa” è importante. Desidero ringraziare anche il professor Fabio Fornari e Lorella Cappucciati. Sono stati vicini anche ai miei familiari».

Cosa ricordi? «Era il 25 marzo, ricordo di essere stato caricato dalla Croce Rossa e portato al pronto soccorso di Piacenza. Mi hanno infilato in testa un casco per respirare e da lì in poi per un mese non ho memoria. Ero incosciente, mi sono risvegliato a Bentivoglio il 26 aprile. Il risveglio è stato traumatico. Mi sono ritrovato con un tubo nella trachea, in un’altra città, e non riuscivo a parlare. Provavo a comunicare a gesti, volevo sapere qualcosa». Poi, un altro mese a letto, ma Maloberti ha la scorza dura. «Nella mia testa, durante tutto quel tempo fermo dopo il risveglio, pensavo soltanto che dovevo farcela. Dovevo portare a casa la pelle».  

Maloberti è uomo di grandi passioni: guida da anni un consorzio di allevatori di carne, è consigliere di minoranza a Rivergaro, militante della Lega della prima ora. «Mi manca tutto. Mi hanno chiamato in tanti, anche dal mondo politico. Tutto il Carroccio l’ho sentito, ho ripreso i contatti al telefono. Manca ancora la quotidianità, ma tornerò a fare le mie battaglie a Rivergaro. Quando sarò in grado di muovermi e andare dove voglio, riprenderò la mia vita».

A proposito di Rivergaro, è vero che andrai, appena possibile, al Santuario della Madonna del Castello? «Quella è la prima cosa che farò, sicuramente. E in autunno, se possibile, andrò anche a Pietrelcina, da Padre Pio. Mi dicono che, mentre mi trovavo in condizioni abbastanza critiche, pregavano parecchio per me».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Bimbo di un anno in ospedale per cocaina, arrestati i genitori e i nonni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • Sorprende i ladri in casa, 90enne scaraventata a terra e rapinata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento