Giornata del Rifugiato, Cgil a Roma. Zilocchi: "Restiamo umani. E l'Ue non si giri dall'altra parte"

Anche una delegazione da Piacenza a Roma. Il segretario provinciale Zilocchi: "Restiamo umani di fronte a una migrazione di portata storica, non cediamo a spinte xenofobe fomentate da chi cerca solo voti"

“Restiamo umani”. C'era anche una delegazione della Cgil di Piacenza alla manifestazione organizzata da un largo novero di associazioni, parti sociali, singole personalità della società civile che in occasione della giornata mondiale del rifugiato indetta dall'Onu hanno organizzato una manifestazione a Roma. Dopo l'importante convegno sulle prospettive dell'accoglienza a Piacenza, il segretario generale della Camera del Lavoro Gianluca Zilocchi ha partecipato alla manifestazione con una delegazione partita all'ombra del Gotico, composta da migranti e dirigenti sindacali. “Siamo qui per richiamare l'Europa ad una seria politica di gestione dei flussi migratori – ha commentato Zilocchi - il messaggio che questa grande ed eterogenea manifestazione manda al Paese è “restiamo umani”, come si leggeva in diversi cartelli e striscioni che, citando Vittorio Arrigoni, rimandano al senso di umanità che deve prevalere in questa fase storica rispetto alle spinte xenofobe di alcuni soggetti che strumentalizzano le guerre per una manciata di voti. La Cgil continuerà a fare la sua parte, portando avanti anche la proposta di un "viaggio della memoria" nelle scuole al museo dei migranti italiani di Marcinelle” .

IMG_6623-2 IMG_6625-2 IMG_6629-2 IMG_6632-2


 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento