Giuseppe e Mario, i due ferrovieri morti sul Frecciarossa deragliato

Le vittime del tragico deragliamento del 6 febbraio sono il macchinista Giuseppe Cicciù e l'addetto Fs Mario Di Cuonzo. Entrambi erano nella motrice

Nella foto, Giuseppe Cicciù

Entrambi macchinisti, entrambi innamorati del proprio lavoro. Sono Giuseppe Cicciù, 52enne di Reggio Calabria, e Mario Di Cuonzo, 59enne, i due morti del Frecciarossa deragliato giovedì 6 febbraio, in mattinata, tra Livraga e Ospedaletto lodigiano. Il convoglio era partito alle 5.10 dalla stazione di Milano Centrale ed è uscito dai binari alle 5.35. Secondo quanto appreso, la motrice si sarebbe staccata dal resto del treno, avrebbe urtato un carrello merci presente su un binario parallelo, avrebbe percorso altri 300 o 400 metri e si è schiantata contro un casotto Trenitalia. La carrozza 1 invece si è ribaltata. 

Video: i pompieri a bordo del treno del disastro

Per anni Ciccìù aveva fatto parte della Fit Cisl, lottando spesso per la sicurezza sul lavoro e per i ritmi e i carichi di lavoro. Di Cuonzo era invece iscritto alla Fit Cgil ed era tra i massimi esperti in Italia in tema di Frecciarossa, essendo stato tra i primi macchinisti dei treni ad alta velocità. 

Sul treno c'erano 28 passeggeri e cinque membri dell'equipaggio. Pesantissimo il bilancio. Oltre i due ferrovieri morti, altre 31 persone sono rimaste ferite. Quattro sono ricoverate in codice giallo - tra Lodi, Cremona e Pavia - e 27 in codice verde, tra gli ospedali di Lodi, Melegnano, Crema, Piacenza, Codogno, Rozzano e Castel San Giovanni. Le condizioni più gravi sono quelle di uno steward che era a bordo del treno e che si è rotto il femore.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 25 marzo

  • La situazione nei comuni piacentini aggiornata al 24 marzo

  • Stop attività produttive non essenziali e assembramenti con più di due persone: nuova ordinanza antivirus a Piacenza

  • Covid-19, l’aggiornamento sui casi positivi nel Piacentino del 23 marzo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento