menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un intervento dell'automedica del 118 di Piacenza. In basso, Raffaele Donzelli (UIL FPL)

Un intervento dell'automedica del 118 di Piacenza. In basso, Raffaele Donzelli (UIL FPL)

«Gli infermieri del 118 hanno competenze per il migliore intervento in emergenza e urgenza»

Dopo le recenti polemiche sulle competenze sanitarie di medici e infermieri, e sui mezzi di soccorso, intervengono i sindacati di categoria: «Piacenza è una realtà di eccellenza, un modello esportato altrove»

«Il personale infermieristico piacentino ha sviluppato da molti anni Clinical-Competence altamente professionalizzanti, frutto anche di importanti investimenti, che hanno permesso e permettono l’attuazione in sicurezza di procedure avanzate condivise e validate dall’Ausl, e fedeli alle linee guida scientifiche internazionali, assicurando alla popolazione la migliore risposta raccomandata in situazioni di urgenza e emergenza».

Lo affermano, in una nota ufficiale, Raffaele Donzelli (Responsabile Sanità Pubblica UIL FPL Piacenza), Stefania Pisaroni (Responsabile Sanità CGIL Funzione Pubblica), e Claudia Civetta (CISL Funzione Pubblica) in riferimento alle polemiche sulle competenze degli infermieri del 118 piacentino e di altre province dell’Emilia Romagna, «alimentate - dice la nota - da alcuni Ordini Professionali e dal sindacato medico autonomo Snami».

«Piacenza - precisano i sindaclaisti - è oggi una realtà di eccellenza esportata anche altrove, e punto di riferimento per numerosi atenei universitari nella formazione/addestramento postlaurea. Tali professionalità non possono e non devono essere disperse. Non sono accettabili attacchi allarmistici, soprattutto se provenienti da fonti “poco qualificate”, come alcune comparse nei giorni scorsi: le procedure di cui si parla, se applicate correttamente si intende, garantiscono le medesime probabilità di sopravvivenza indipendentemente dall’operatore, sia esso medico o infermiere, che le applica».

Raffaele Donzelli Piacenza-2Prosegue la nota: «È sicuramente degno di apprezzamento e condivisione il fatto che la Direzione Generale dell’Ausl per la rima volta, su un tema vivo da tempo, si sia espressa pubblicamente appoggiando l’operato dei propri infermieri, e l’efficacia di quel sistema che la stessa Azienda ha coltivato nel corso degli anni. Ci uniamo alla sua definizione “battaglia di retroguardia, in un mondo che cambia” per definire la diatriba. Riteniamo che certe polemiche, soprattutto se contaminate da fonti populiste e poco competenti, gettano il personale che opera sui mezzi di soccorso in una condizione emotiva di forte disagio, e quel che è peggio creano falsi timori nell’utente finale che necessita di soccorso». 

«E’ vero però che, indipendentemente dalle linee strategiche che la Regione vorrà perseguire, ci sono zone del nostro territorio in cui il numero di Mezzi di Soccorso Avanzato deve essere incrementato, se non altro per mantenere gli impegni presi dall’Ausl Piacentina nella fase di accorpamento della Centrale Operativa 118 all’Area Vasta Emilia Ovest, conclusasi già il 10 agosto di quest’anno».

«E’ altresì importante - concludono i sindacati - che le modalità con cui l’Azienda intenderà attuare il potenziamento della rete di emergenza, dovranno essere frutto di una attenta condivisione, anche ma non solo alla luce dell’acceso dibattito in corso. Condivisione che le parti sindacali avevano già chiesto con forza negli ultimi mesi in tempi non sospetti, consapevoli che l’infermiere 118, oggetto suo malgrado di tanta attenzione e visibilità, dovesse essere sempre più valorizzato e tutelato». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento