menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
la commissione che giudicherà i finalisti insieme ad Andrea Minardi

la commissione che giudicherà i finalisti insieme ad Andrea Minardi

Coldiretti, il concorso “Gran Premio dell’Ortrugo” entra nella fase decisiva: ecco i finalisti

"Il Gran Premio dell'Ortrugo", concorso promosso da Coldiretti e Giovani Impresa è arrivato alle fasi decisive. Tra una settimana avverranno le votazioni della giuria popolare nei bar della provincia

Sono l’Azienda Agricola Blengio Alessandra, l’Azienda Agricola Piani Castellani, la Cantina Sociale Vicobarone e la Eredi Azienda Agricola Conte Otto Barattieri le aziende finaliste che vedranno il proprio vino proseguire per la scalata verso il sesto Gran Premio dell’Ortrugo, il contest organizzato da Coldiretti Giovani Impresa di Piacenza in collaborazione con il Consorzio di Tutela dei Vini Doc Colli Piacentini. La commissione Fisar riunita nelle scorse serate ha infatti analizzato, dal punto di vista sensoriale, gli oltre 40 vini in gara rappresentativi di tutte e quattro le vallate vocate alla produzione, e ha così decretato le etichette finaliste che verranno successivamente degustate e votate nei bar aderenti all’iniziativa.
«L’Ortrugo - ha affermato Massimo Ghezzi, sommelier Fisar - è un vitigno autoctono da sempre presente nel territorio piacentino ma che è salito alle cronache circa 30 anni fa. Prima di allora infatti, con l’affermarsi della Malvasia di Candia aromatica i vigneti di questa cultivar sono stati in larga parte estirpati e il valore non veniva riconosciuto tanto da non essere nemmeno vinificato in purezza. Oggi, invece l’Ortrugo si configura come un vino ottimo da aperitivo in abbinamento ai prodotti tipici piacentini; è tipicamente estivo, decisamente beverino e leggermente frizzante con un retrogusto un po’ amarognolo». «È un onore - prosegue - Ghezzi per noi sommelier, partecipare come giuria tecnica a questa manifestazione, perché valorizzare questo vitigno significa valorizzare l’intero territorio piacentino e con esso la sua economia». «Il format rinnovato inoltre – aggiunge Andrea Minardi, delegato Giovani Impresa Coldiretti - che vede il coinvolgimento del pubblico e dei bar della provincia è stato studiato sulle peculiarità del vino stesso, che appunto si presta anche al consumo fuori pasto e permette alle aziende finaliste una facilitazione all’ingresso nel mercato Horeca. Il vincitore infatti, otterrà l’inserimento dell’etichetta nella carta vini di alcuni bar e agriturismi della provincia. Facciamo dunque, conclude Minardi un in bocca al lupo ai quattro finalisti, che a partire dalla prossima settimana si sfideranno a suon di degustazioni pubbliche nei bar aderenti l’iniziativa».

Il programma delle degustazioni:

1 luglio 2014 dalle ore 19 al Bar Taverna Cavalletto di Carpaneto

3 luglio 2014 dalle ore 18 al Caffè Marconi di Borgonovo

5 luglio 2014 dalle ore 17 al Caffè Italia di Rivergaro

9 luglio 2014 dalle ore 18 al Bar Sport di Bettola

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Il giardino di via Negri è un ritrovo di spacciatori»

Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Attualità

Inps: «Nuovo tentativo di truffa tramite e-mail»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento