Hascisc imbevuta nell'eroina, l'Arma: «Consumatori già a 13 anni. La situazione è drammatica»

«Ci stiamo giocando un'intera generazione, l'eroina è tornata prepotentemente a Piacenza e noi tutti abbiamo il dovere di contrastare in ogni modo questo fenomeno». Il comandante provinciale dei carabinieri lancia l'allarme: consumatori sempre più giovani

Il capitano di Bobbio, Gianluca Muscatello, il maggiore Massimo Barbaglia, il colonnello Corrado Scattaretico e il comandante della compagnia di Fiorenzuola Emanuele Leuzzi

«Ci stiamo giocando un'intera generazione, l'eroina è tornata prepotentemente nelle nostre strade e noi tutti abbiamo il dovere di contrastare in ogni modo questo fenomeno». A lanciare l'allarme nella mattinata del 14 aprile il comandante provinciale dell'Arma dei carabinieri, il colonello Corrado Scattarettico che ha riunito i giornalisti per diffondere un appello. «Da gennaio i miei carabinieri hanno sequestrato in città e provincia un chilo di droga, tra cocaina, marijuana, hascisc ed eroina. E ci siamo accorti che l'età dei consumatori abituali di stupefacenti si è abbassata vertiginosamente: già a 13 anni tanti ragazzini, di ogni fascia sociale, acquistano e fanno uso di stupefacenti quotidinamente» dichiara. Decine infatti, i giovanissimi che sono stati segnalati come assuntori alla Prefettura, negli ultimi mesi. «La situazione nel nostro territorio è sempre più drammatica ed è socialmente più grave dell'allarme provocato dai reati predatori». Continua il comandante. Negli ultimi tempi è venuto alla luce un nuovo fenomeno, ancora in parte molto sottovalutato: hascisc imbevuta nell'eroina, prima di essere fumata: «Non sappiamo ancora se è una richiesta fatta dai clienti o se invece si tratta di un modo subdolo degli spacciatori per ingenerare, nei giovanissmi, una dipendenza molto più rapida e potenzialmente molto più pericolosa», fanno sapere dal comando provinciale di via Beverora. «Se le generazioni più grandi e gli adulti hanno sviluppato negli anni una sorta di consapevolezza nei confronti dell'eroina: abbiamo visto tutti gli effetti di questa droga negli anni Ottanta, quando le persone morivano come mosche, anche per strada, i giovani di oggi, forse non hanno una percezione chiara e reale di quanto questo tipo di droga possa risultare fatale anche solo se assunta una volta. Per questo motivo le famiglie, gli insegnanti, e tutti coloro che hanno a che fare con i più giovani hanno il dovere di vigilare, di parlare con loro, di ascoltarli per non farli cadere in un tunnel dal quale è difficile uscire indenni. Noi, dal canto nostro, non smetteremo mai, di mettere in campo tutte le energie possibili per cercare di arginare questo grave fenomeno». Conclude. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento