I buoni spesa a chi ha poca disponibilità finanziaria e ha perso il lavoro o un proprio caro

Buoni spesa per l’emergenza Coronavirus, definiti dal Comune di Piacenza i criteri per l’erogazione degli aiuti ai residenti del capoluogo

Il Comune di Piacenza ha definito i criteri per l’assegnazione dei buoni spesa che, grazie all’anticipazione del Fondo di solidarietà comunale, potranno essere destinati – per un totale di 548 mila euro – a sostegno dei cittadini in condizioni di difficoltà legata all’emergenza sanitaria in atto, per l’acquisto di generi alimentari (con l’esclusione di alcolici e superalcolici). L’importo massimo, erogabile una tantum e quindi non ripetibile per ciascun nucleo familiare, sarà di 500 euro, con variazioni proporzionalmente legate al numero dei componenti e alla situazione reddituale e finanziaria.

I residenti a Piacenza che siano in possesso dei necessari requisiti potranno trasmettere la propria richiesta di contributo tramite il sito web comunale, utilizzando l’apposito modulo on line che i tecnici informatici stanno predisponendo; non appena le procedure saranno completate, all’inizio della settimana, verrà comunicata la data di avvio per la presentazione delle domande. Chi avesse bisogno di Federica Sgorbati-7assistenza nella compilazione, a partire dalla pubblicazione on line dei moduli potrà contattare lo 0523-492595/2596 dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 12.

«Ricordo – sottolinea l’assessore ai Servizi Sociali Federica Sgorbati – che questa misura straordinaria di solidarietà è rivolta solo a chi abbia reale e urgente bisogno di credito. Qualora si rilevassero incongruenze o dati non corrispondenti al vero nelle richieste pervenute, l’Amministrazione comunale interverrà con severità, in ottemperanza alle norme di legge e per rispetto di tutti coloro che hanno diritto al contributo: gli uffici lavoreranno con il massimo impegno, a questo proposito, proprio per garantire che tutte le istanze ricevano risposta con tempestività».

I buoni spesa avranno il valore di 150 euro per i nuclei composti da una sola persona, ammonteranno a 225 euro per le famiglie con due componenti, passando a 275 euro per i nuclei di tre persone e 325 euro per le famiglie con quattro componenti. A quest’ultima somma, per i nuclei composti da almeno 5 persone, vanno aggiunti 50 euro per ogni membro, ulteriori 25 per ciascun minore e ulteriori 50 euro per ciascuna persona con disabilità.

Per l’accesso al beneficio, i richiedenti devono avere disponibilità finanziarie liquide (a mero titolo di esempio su conti correnti postali o bancari), inferiori, al 31 marzo scorso, a 5 mila euro. Devono inoltre presentare una dichiarazione autocertificata che attesti un peggioramento della situazione economica del nucleo a causa dell’epidemia di Covid-19, per una delle seguenti cause: decesso di un componente della famiglia per Coronavirus, perdita dell’impiego o diminuzione dell’attività lavorativa, perdita di occupazione precaria o mancato rinnovo di contratto a termine.

In tutti i casi citati, i richiedenti possono essere in attesa dell’attivazione di ammortizzatori sociali non ancora liquidati; lo stesso vale per tutte le tipologie di lavoro (dipendente, a tempo determinato, libero professionista, ecc.).

Non potranno essere accolte le domande di nuclei familiari che percepiscano rendite e/o sostegni pubblici di importo pari o superiore a 500 euro mensili.

Qualora tale somma sia inferiore, il valore del buono spesa erogabile sarà pari alla differenza tra il massimale di 500 euro (una tantum e per ogni nucleo familiare) e la rendita o contributo pubblico già percepito dal nucleo familiare stesso, di cui si dovrà dichiarare l’ammontare mensile e la durata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Verrà comunque data priorità, nell’erogazione dei buoni spesa – che avverrà con cadenza giornaliera e riscontro immediato alle istanze ricevute – alle famiglie che non percepiscono redditi o sostegni pubblici al reddito, a qualunque titolo (ad esempio reddito di cittadinanza, Rei, Naspi, indennità di mobilità, Cig o altre misure a livello locale o regionale).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Bimbo di un anno in ospedale per cocaina, arrestati i genitori e i nonni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • Sorprende i ladri in casa, 90enne scaraventata a terra e rapinata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento