menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I valori della cooperazione presentati alla città

Il “salotto buono” della città per presentare i valori della cooperazione. E’ l’iniziativa messa in campo da Confcooperative Piacenza che venerdì pomeriggio e sabato mattina, ha allestito in Piazza Cavalli con “orgogliosi di cooperare”, numerosi stand per far conoscere le molteplici iniziative e la poliedrica attività

Il “salotto buono” della città per presentare i valori della cooperazione. E’ l’iniziativa messa in campo da Confcooperative Piacenza che venerdì pomeriggio e sabato mattina, ha allestito in Piazza Cavalli con “orgogliosi di cooperare”, numerosi stand per far conoscere le molteplici iniziative e la poliedrica attività svolta dal movimento cooperativo a favore del territorio piacentino nell’ambito dell’agro-alimentare, del sociale, dei servizi alle imprese, tanto per citarne alcuni. “Sono soddisfatta- commenta il direttore Nicoletta Corvi- della partecipazione popolare riscontrata presso i nostri gazebo, con i cittadini che hanno chiesto delucidazioni sulla nostra attività, con il supporto di depliant e materiale illustrativo, il tutto fino a venerdì sera quando Piazza Cavalli era colma di gente per ascoltare l’applauditissimo concerto del gruppo piacentino “Cani della biscia”.

Ma al là dell’aspetto ludico connesso a questa festa, a noi premeva far conoscere tutta la diversificata attività che abbiamo attivato attraverso le nostre cooperative. Quelle agro- alimentari del settore lattiero-caseario hanno proposto la produzione di una forma di grana padano in Piazzetta Pescheria. Il casaro della Latteria sociale Stallone Alberto Bonini, ha ripresentato gli antichi gesti quotidiani di un’arte che da secoli crea dal buon latte dei soci un magnifico formaggio. Grande partecipazione e stupore di tanti bambini (ma molti agli adulti) che non conoscevano affatto questo straordinario processo di trasformazione che necessita di consolidata attività manuale oggi ben supportata dalla tecnologia per offrire al prodotto dei soci un elevato valore aggiunto.

Ma anche tutti gli altri settori –ricorda la Corvi- non sono stati da meno. Irecoop ha presentato i diversi progetti formativi che prenderanno il via dall’autunno, mentre con il progetto Beblab si propongono servizi per imprese e territorio attraverso una forma di economia circolare. Ed ancora: la presentazione del “civico 11”, una redazione composta di ragazzi disabili realizzata da Aurora Domus e Coop. Officine Guttemberg, senza dimenticare l’attività di Gens sviluppo con le proposte in tema di energia e sanità integrativa, mentre le cooperative socio-educative hanno riservato momenti di gioco e divertimento con laboratori riservati ai più piccini.

La proiezione di un filmato ha evidenziato come dalla sinergia di tanti singoli strumenti si possa dar vita ad un’orchestra, esattamente come tanti soci inseriti in una cooperativa, riescono a produrre reddito e valore aggiunto, raccordati dai valori della cooperazione, ovvero compartecipazione e solidarietà. RadioSound95 ha assicurato una diretta radiofonica per l’intero periodo della manifestazione il cui significato è stato sottolineato dal presidente Malvicini proprio in occasione della festa internazionale della cooperazione (2 luglio) dedicata quest’anno alla sostenibilità, un valore che da sempre noi perseguiamo nel nostro operare”.

coopera3-2

coopera2-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Allargare la cava significa più inquinamento per la zona»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento