menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Ikea Italia Distribution” collabora al progetto comunale “Prove di autonomia”

Anche il progetto sociale “Prove di autonomia” promosso dal Comune di Piacenza e gestito dalle cooperative sociali Aurora Domus, Assofa e Il Germoglio Due è stato scelto da Ikea Italia Distribution srl tra le iniziative che l’azienda mette in campo a supporto delle associazioni non profit per il 2015

Anche il progetto sociale “Prove di autonomia” promosso dal Comune di Piacenza e gestito dalle cooperative sociali Aurora Domus, Assofa e Il Germoglio Due è stato scelto da Ikea Italia Distribution srl tra le iniziative che l’azienda mette in campo a supporto delle associazioni non profit per il 2015. Il progetto “Prove di autonomia” nasce come opportunità rivolta a giovani adulti tra i 20 e i 45 anni affetti da disabilità lievi e medio-lievi di sperimentarsi in cicli di week-end in convivenza, all’interno di un appartamento nel centro storico di Piacenza.

Dal sabato mattina alla domenica sera, a gruppi di quattro utenti, con la supervisione e l’accompagnamento di un educatore in alcuni momenti della giornata e di volontari nei restanti momenti e durante le notti, l’impegno si sostanzia in una serie di mansioni e di attività eterogenee in grado di promuovere livelli di apprendimento e di autonomia crescenti (autonomie personali e domestiche, cura degli spazi, gestione della dispensa e della cucina, utilizzo di elettrodomestici, relazione con gli altri).

Ikea Italia distribution srl offre la progettazione completa e l’arredamento dei locali. Nei giorni scorsi è stato effettuato il sopralluogo dell’arredatrice Ikea. Erano presenti anche alcuni ragazzi che frequentano le prove di autonomia, alcuni genitori e un rappresentante dei soggetti gestori. “E' veramente lodevole - commenta l’assessore al Nuovo Welfare, Stefano Cugini - che un’azienda come Ikea metta a disposizione del territorio le sue competenze tecniche ed economiche per rendere più fruibili, funzionali e perché no, piacevoli, i locali destinati a un progetto così importante. Anche questo è un segnale che siamo una comunità che si prende cura degli altri. Il mio ringraziamento più sincero per una collaborazione così speciale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento