rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca

Ikea, nuova manifestazione contro i Cobas: «Vogliamo i violenti fuori dall'impianto»

I lavoratori della cooperativa San Martino e di Ikea che non condividono le idee ma soprattutto le modalità della battaglia che sta portando avanti il Si Cobas, scendono di nuovo in piazza: «Stufi di vedere da ormai più di un anno le nostre aziende ostaggio dei Si Cobas. Fuori i violenti da Ikea»

I lavoratori della cooperativa San Martino e di Ikea che non condividono le idee ma soprattutto le modalità della battaglia che sta portando avanti il Si Cobas nei confronti della cooperativa e della multinazionale svedese, torneranno in piazza sabato 17 maggio per far sentire di nuovo la loro voce.

Già il 9 maggio scorso dopo i blocchi e i disordini avvenuti davanti ai cancelli del magazzino 2 in via Torre della Razza tra i facchini iscritti al sindacato autonomo, i ragazzi dei centri sociali e le forze dell'ordine, circa 250 persone hanno voluto incontrare il sindaco Paolo Dosi e il presidente della Provincia, Massimo Trespidi e hanno chiesto di poter andare a lavorare senza aver paura di ritorsioni o minacce da parte di coloro che dal 5 maggio hanno aperto lo stato di agitazione al magazzino 2 di Ikea, impedendo a molti colleghi in diversi casi l'entrata al lavoro.

«Siamo stufi di non vedere rispettato il nostro sacrosanto diritto di lavorare, stufi di vedere da ormai più di un anno le nostre aziende ostaggio dei Si Cobas, stufi di ricevere intimidazioni e insulti da un piccolo gruppo di persone violente sempre appartenenti al sindacato autonomo, stufi di vedere persone che non lavorano in Ikea e non conoscono la realtà dell'azienda, mettersi a bloccare i cancelli impedendoci di lavorare», scrivono in una nota i lavoratori.

E ancora: «Siamo stufi che centri sociali, partiti politici, giornalisti strumentalizzino questa situazione sulle nostre spalle e infine siamo stufi di dover rassicurare le nostre famiglie, giustamente preoccupate per eventuali decisioni di Ikea di lasciare il nostro territorio. Diciamo basta e vogliamo i violenti fuori dall'impianto. Il 17 maggio saremo in piazza per protestare e chiediamo a tutte le persone che lavorano al sito, alle organizzazioni sindacali responsabili di unirsi e manifestare pacificamente per fare sentire la nostra voce alle istituzioni e alla cittadinanza». 

Intanto, la cooperativa San Martino ha convocato l'assemblea dei soci per domenica 18 maggio per verificare e analizzare le giustificazioni dei 33 lavoratori sospesi e decidere il da farsi. Di certo c'è che non  si vede ancora la luce in fondo al tunnel.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ikea, nuova manifestazione contro i Cobas: «Vogliamo i violenti fuori dall'impianto»

IlPiacenza è in caricamento