Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Il bilancio di Ostuni: «Più prevenzione, meno reati e i piacentini che continuano a collaborare con noi»

A due giorni da Capodanno anche in questura è tempo di bilanci. A farlo, come di consueto, Pietro Ostuni, il questore affiancato dal capo di gabinetto Filippo Sordi nella giornata del 29 dicembre

Il questore Pietro Ostuni e il capo di gabinetto Filippo Sordi

A due giorni da Capodanno anche in questura è tempo di bilanci. A farlo, come di consueto, Pietro Ostuni, il questore affiancato dal capo di gabinetto Filippo Sordi nella giornata del 29 dicembre. «Grazie alla perfetta sinergia con le altre forze dell'ordine, alla collaborazione dei cittadini e all'impegno costante dei miei uomini anche quest'anno, possiamo essere soddisfatti certi anche però di poter fare ancora e sempre meglio». A Piacenza i reati sono calati dell'11,80% passando da 5870 nel 2017 a 5177 nel 2018. Di questi 329 sono reati contro la persona e 2737 contro il patrimonio (furti, rapine). I reati sono i calo anche in provincia 9026 contro i 10267 dell'anno scorso.  «E' stato un anno particolarmente impegnativo per l'ordine pubblico. In totale sono stati effettuati 540 servizi (425 l'anno prima con un aumento di 115). La maggior parte riguarda scioperi, blocchi, e picchettaggi sindacali nella logistica che hanno visti impiegati gli agenti della questura e decine di uomini del Raparto Mobile sia in città sia in provincia. «I miei uomini hanno gestito situazioni delicate con sangue freddo ed estrema professionalità e li voglio ringraziare», ha dichiarato Ostuni. In questo ambito, gestito dalla Digos per competenza e guidata da Stefano Vernelli sono state denunciate 155 persone a vario titolo per violenza privata, manifestazione non autorizzata, mentre tre sono gli arresti, ossia i tre giovani che hanno picchiato il brigadiere capo dell'Arma Luca Belvedere durante il corteo contro Casa Pound il 10 febbraio 2018 in via Sant'Antonino. Importante anche il lavoro della Squadra Mobile di Serena Pieri: 50 le persone arrestate, 143 le persone indagate. Nel 2018 sono state poi controllate, dall'Upgsp quasi 20mila veicoli, 18224 persone. Quasi 4mila le chiamate al 113 per un totale di 3265 interventi della squadra volanti. Quattrocento le persone denunciate e 74 quelle arrestate. Cinquanta i fogli di via obbligatori da Piacenza emessi dal questore. Quattordici i locali chiusi in applicazione dell'articolo 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza per un totale di 395 giorni di chiusura totali a fronte dei soli 27 dell'anno precedente. Gli accompagnamenti alla frontiera e ai Cpr sono stati 69, 288 le espulsioni mentre sono stati rilasciati 12923 permessi di soggiorno. Incessante, costante e fondamentale il lavoro delle sezioni della Polfer, Polpostale e Polstrada. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bilancio di Ostuni: «Più prevenzione, meno reati e i piacentini che continuano a collaborare con noi»

IlPiacenza è in caricamento