Il libro preferito? Il Mein Kampf di Hitler. Risposta shock di due classi piacentine

A un concorso indetto dal Miur dieci classi in tutta Italia inseriscono il libro di Adolf Hitler tra i dieci preferiti. Tra loro anche due classi del Piacentino. Il Ministero pronto a indagare

Il libro preferito? Il “Mein Kampf” di Adolf Hitler. È la risposta shock che due classi del Piacentino hanno dato a un concorso indetto dal Miur, iniziativa resa nota al Salone di Torino. Scuole elementari, medie e superiori di tutta Italia dovevano indicare i dieci libri preferiti. Su 138mila classi italiane – oltre 3 milioni di studenti coinvolti - ben dieci hanno messo nella top ten il libro di Hitler: sono classi di Palermo, Catanzaro, Potenza, Tivoli, Gaeta, Trieste, Udine. Tra queste anche due classi del Piacentino. Il libro in questione non era neanche esprimibile tra le preferenze, non essendo di un autore italiano. Il Ministero vuole ora fare luce sulla scelta degli studenti, tra l’altro vagliata anche dai docenti, che avevano l’incarico di inserire la decina preferita nella piattaforma online. «Esprimo forte preoccupazione – ha dichiarato al riguardo l’assessore alle politiche giovanili del comune di Piacenza Giulia Piroli - per quello che è accaduto in due scuole piacentine. Oggi, in questo razzismo sempre più dilagante ci sarebbe bisogno di porre all'attenzione dei giovani ben altri testi». Ora, sul caso delle due classi piacentine, si farà luce. Rimane da capire cosa c'è dietro a una scelta così particolare, frutto di una provocazione o di una scelta consapevole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento