menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il luogotenente Vincenzo Fumaio in pensione dopo 39 anni nella Benemerita

Con una sobria ma intensa cerimonia, che si è svolta presso il Polo di mantenimento di viale Malta, il luogotenente Vincenzo Fumaio, Comandante del Nucleo di Polizia militare presso il Polo di Mantenimento pesante Nord di Piacenza, ha preso congedo

Con una sobria ma intensa cerimonia, che si è svolta presso il Polo di mantenimento di viale Malta, il luogotenente Vincenzo Fumaio, Comandante del Nucleo di Polizia militare presso il Polo di Mantenimento pesante Nord di Piacenza, ha preso congedo dopo 39 anni di onorato servizio nell’Arma dei Carabinieri. A salutarlo autorità civili e militari con alla testa il prefetto Anna Palombi ed il Questore Salvatore Arena, mentre è spettato al Generale Tommaso Petroni, Comandante del Polo di Mantenimento Pesante Nord di Piacenza, struttura che occupa oltre 600 persone, rivolgere un breve saluto al Luogotenente Fumaio ripercorrendone l’intensa carriera trascorsa per la maggior parte nella nostra Provincia.

Infatti dopo vari incarichi a Roma e Firenze, Fumaio, originario di Taranto, è stato trasferito a Piacenza come vicebrigadiere presso il Comando del Gruppo CC, quindi addetto alla Stazione Piacenza P.le e successivamente al Nucleo Radiomobile e Operativo, quindi in qualità di Comandante di Sezione di Polizia giudiziaria della Pretura di Castell’arquato e dal 1990 titolare della Stazione di Carpaneto. Dal 2004 è divenuto Comandante del Nucleo di Polizia Militare presso il P.M.P.N di Piacenza.

Durante la sua carriera il Luogotenente Fumaio è stato insignito di medaglia d’oro al Valore dell’Arma dei Carabinieri a seguito di due conflitti a fuoco e di encomio solenne sempre a seguito di conflitto a fuoco. Ha ottenuto tra l’altro la medaglia Mauriziana al merito, è Cavaliere dell’Ordine, Croce d’oro per anzianità di servizio militare, medaglia d’oro al merito di lungo comando.

“Si è sempre- ha detto il Generale Petroni- “nei secoli fedele”, come carabiniere e cittadino; bisogna essere lungimiranti, pazienti, umili, valori che ciascuno di noi persegue nel Polo”.

Fumaio ha ringraziato tutti per la partecipazione, per le calorose e non formali parole rivoltegli ed ha voluto ribadire l’importanza della famiglia (la moglie Lorella ed i figli Gabriele, Valentina ed Antonella) che gli è sempre stata vicina in questo impegnativo ed appassionato lavoro, una missione a cui si è dedicato con impegno ed abnegazione e che rimarrà sempre dentro di lui.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino altri 62 casi e otto decessi

  • Cultura

    Viaggio in anteprima nella sezione Archeologica restaurata del Farnese

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento