Il piromane colpisce ancora: seconda panchina incendiata in cinque giorni

Ennesimo incendio doloso in città. E per la seconda volta nel giro di pochi giorni una panchina del Pubblico Passeggio è andata distrutta. E' accaduto nella notte del 27 maggio nella parte del Facsal verso Piazzale Libertà alle 3 circa

La panchina in fiamme (Foto E.Gatti)

Ennesimo incendio doloso in città. E per la seconda volta nel giro di 5 giorni una panchina del Pubblico Passeggio è andata distrutta. E' accaduto nella notte del 27 maggio nella parte del Facsal verso Piazzale Libertà, alle 3. A dare l'allarme una guardia giurata che ha visto le fiamme dopo essere stata avvicinata da un uomo che avrebbe visto una persona allontanarsi. Sul posto, in pochissimi secondi, sono arrivati i poliziotti delle volanti e i vigili del fuoco che hanno spento il rogo doloso. Il precedente episodio risale al 22 maggio: la panchina divorata dalle fiamme era collocata nella seconda parte del Pubblico Passeggio. Andando a ritroso, e per citare solo gli ultimi, il 18 maggio era stata incendiata la tenda di un senzatetto a Porta Borghetto (l'uomo si era salvato per miracolo), il 9 maggio erano stati tre i roghi (tangenziale, via Breviglieri a Vallera e via Bosi il garage con la bombola di gpl), questi ultimi si erano verificati nel giro di due ore, uno mezz'ora dall'altro così come i tre il 4 maggio (via Falconi, parcheggio di viale Malta e viale Patrioti). Dai cassonetti alla Galleana, dai vari roghi al Peep alle sterpaglie in fiamme in vari punti della città, sempre abbastanza vicini tra loro: gli episodi sono tanti e verosimilmente si tratterebbe di almeno due persone, foss'altro per la zona e gli obiettivi diversi, forse quindi anche lo scopo e il fine sono differenti. Ciò che li accomuna, vista la frequenza e la velocità di esecuzione, è la modalità. Potrebbe trattarsi di soggetti organizzati che si premuniscono di liquido infiammabile a sufficienza per appiccare almeno tre roghi in poco tempo per poi tornare ad agire dopo qualche giorno e per non essere visti potrebbero muoversi in bicicletta riuscendo quindi a dileguarsi prima dell'arrivo di pompieri e forze dell'ordine, sempre che non rimangano per qualche attimo ad osservare la propria opera. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento