Premio "Battaglia": Brando Fornaciari della Cattolica vince la 29esima edizione

Per l'edizione 2016 del Premio "Battaglia" la Banca di Piacenza ha scelto come tema "Gli effetti sul nostro territorio della partecipazione di Piacenza all'Expo 2015 in termini sociali, culturali ed economici"

E’ Brando Fornaciari il vincitore della 29 edizione del premio “Francesco Battaglia”, istituito per ricordare ed onorare la figura dell’avvocato Battaglia, indimenticato presidente nonché tra i fondatori della banca di Piacenza. Il consiglio di amministrazione dell’istituto di credito piacentino, sulla base delle valutazioni effettuate dalla commissione giudicatrice – composta dall’avvocato Sara Battaglia, dal professor Domenico Ferrari Cesena e da Carlo Emanuele Manfredi – ha infatti premiato l’elaborato presentato di Fornaciari sull’argomento scelto per questa edizione: “Europa: nuovo Parlamento, nuova Commissione e semestre di Presidenza italiana. Quali conseguenze per il nostro Paese e per il territorio piacentino”.

La cerimonia di consegna del premio si è svolta alla sede centrale di via Mazzini alla presenza del direttore generale dell’istituto di credito, Giuseppe Nenna, e dei vicedirettori generali, Pietro Coppelli e Mario Crosta; presenti alla cerimonia anche la madre del vincitore, Agladia Miritello, e il fratello minore Ruben.

Studente al quarto anno della facoltà di Giurisprudenza all’università Cattolica, Brando Fornaciari si è aggiudicato il premio con un accurato lavoro di ricerca che, dopo un’introduzione nella quale vengono presentate le caratteristiche e le competenze dell’Unione Europea, analizza in modo approfondito due specifiche tematiche: agicoltura, immigrazione e diritto d’asilo. «L’agricoltura – ha precisato il vincitore del Premio – è da sempre un caposaldo dell’economia piacentina mentre il tema dell’immigrazione, anche nel nostro territorio, è oggi legato principalmente alle varie forme di protezione internazionale, sia per gli adulti che per i minori non accompagnati. A queste due tematiche, che ho approrfondito soprattutto sotto l’aspetto normativo, ho fatto seguire un’analisi degli strumenti di europeizzazione del Parlamento Italiano dato che nel nostro Paese, solitamente, il recepimento delle novità provenienti dall’Unione Europea ha tempi abbastanza lunghi. Per realizzare la ricerca mi sono interfacciato con vari enti e Istituzioni e desidero ringraziare, per il tempo messomi a disposizione, la dott. Elisa Bergonzoni del progetto Sprar Piacenza, Bruno Carrà dell’ufficio stranieri della Cgil, il viceprefetto Roberta De Francesco della refettura di Piacenza, la Alessandra Donisi dell’Azienda Usl, Franca Pagani del Comune di Piacenza e Dino Guido Rinoldi dell’università Cattolica del Sacro Cuore».

Per l’edizione 2016 del Premio “Battaglia” la Banca di Piacenza ha scelto come tema “Gli effetti sul nostro territorio della partecipazione di Piacenza all’Expo 2015 in termini sociali, culturali ed economici”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento