In manette il pendolare milanese dello spaccio, aveva sessanta clienti piacentini

Arrestato un marocchino che si faceva scortare in auto da Milano grazie a un complice piacentino (anche lui in manette) per spacciare nelle campagne fra Borgonovo e Sarmato

Il momento dello spaccio ripreso dai carabinieri di Rivergaro

Avevano un giro di sessanta clienti i due spacciatori arrestati dai carabinieri di Rivergaro. L'operazione dei militari comandati dal maresciallo Roberto Guasco si è conclusa nelle ultime ore con l'esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare firmate dal gip Adele Savastano e richieste dal pm Emilio Pisante. Nei guai sono finiti lo spacciatore vero e proprio, un marocchino domiciliato a Milano che è finito in carcere, e un piacentino di San Pietro in Cerro che gli faceva da autista, e che ora si trova agli arresti domicliari. 
Lo spaccio avveniva ciclicamente, due o tre volte a settimana, nelle campagne fra Borgonovo e Sarmato, in una zona ben precisa dove però si sono appostati a lungo i carabinieri di Rivergaro, documentando così il vasto giro di cocaina.
Lo straniero - spiega il maresciallo Guasco - veniva nel Piacentino in giorni ben precisi, facendosi accompagnare in auto, all'andata e al ritorno, dal complice piacentino. I clienti, non appena lo straniero giungeva, venivano avvisati con uno squillo sul telefonino e iniziavano a portarsi presso i luoghi di spaccio.
«Si tratta di attività di indagine nata dalla precedente operazione Wihite valley, una delle tante attività - concludono i carabinieri - che la stazione di Rivergaro ha messo in campo proprio per contrastare il fenomeno dilagante dello spaccio di sostanze stupefacenti a Piacenza e provincia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento