In possesso di un documento d'identità falso, patteggia un anno

Quando gli agenti della Polstrada hanno visto la carta di identità hanno subito capito che si trattava di un grossolano falso. Per lui sono scattate le manette e l’arresto. Un bulgaro di 37 anni è finito questa mattina, 8 aprile, davanti al giudice Luca Milani. Il processo per direttissima si è concluso con il patteggiamento della pena di un anno e l’uomo è tornato in libertà. Il pm Giulio Massara ha chiesto la convalida dell’arresto, mentre il difensore, Emilio Dadomo, ha chiesto e ottenuto il patteggiamento.

Il bulgaro è stato fermato la notte scorsa da una pattuglia della polizia stradale di Alessandro sull’A21, nei pressi di Piacenza. L’uomo, che non era alla guida, era in auto con un amico. Alla richiesta di documenti, i poliziotti oltre al documento falso hanno anche visto che era una carta di identità valida per l’espatrio (un reato che prevede da due a cinque anni di reclusione) e lo hanno arrestato. Per il bulgaro, risultato incensurato, non era la prima volta: già in un’altra occasione era stato trovato con documenti falsificati. Negli ultimi tempi, anche nella nostra provincia sta aumentando il ritrovamento, da parte delle forze dell’ordine, di documenti falsi e validi per l’espatrio mostrati da immigrati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Irenfutura, 13 posizione aperte in Emilia per lavorare con Iren

Torna su
IlPiacenza è in caricamento