Appiccati quattro incendi nel cuore del degrado, sequestrata una bottiglia con liquido infiammabile

Quattro incendi sono stati appiccati contemporaneamente all'ex mercato ortofrutticolo e al Berzolla. E' accaduto nella tarda mattinata del 12 giugno e hanno visto impegnate per ore diverse squadre dei vigili del fuoco. La polizia ha sequestrato una bottiglia con all'interno una carta intrisa, pare di accelerante. Le indagini sono in corso

I vigili del fuoco mentre eseguono i rilievi all'ex Berzolla (foto Gatti)

Quattro incendi sono stati appiccati contemporaneamente all'ex mercato ortofrutticolo e al Berzolla. E' accaduto nella tarda mattinata del 12 giugno e hanno visto impegnate per ore diverse squadre dei vigili del fuoco di Piacenza e Castelsangiovanni. I roghi, sicuramente dolosi e appiccati al 99% grazie ad un accelerante, hanno interessato due palazzine nell'ex mercato in via Colombo e la struttura chiamata Berzolla in via Dei Pisoni. Ed è lì che i poliziotti della scientifica (sul posto anche Digos, Volanti e Polizia Locale) insieme al nucleo di Polizia Giudiziaria dei vigili del fuoco hanno trovato una bottiglia di plastica con all'interno un pezzo di carta che emanava un forte odore di liquido infiammabile. La bottiglia era all'interno di uno scatolone di carta, accanto un sacco di plastica bianco e blu all'ingresso dell'edificio. Sul pavimento sono stati trovati alcuni segni di fiammata. Tutto è stato sequestrato dalla polizia e sono in corso accertamenti.  L'allarme è stato lanciato alla centrale operativa dei vigili del fuoco da più persone che vedevano uscire fumo dalle due strutture fatiscenti e lasciate nel più totale abbandono. Quello che sembrava un normale incendio accidentale (se ne contano decine in quelle aree ormai diventate da anni rifugio di stranieri irregolari, richiedenti asilo espulsi dall'accoglienza, spacciatori, tossicodipendenti) si è ben presto trasformato in qualcosa di più inquietante: qualcuno ha deliberatamente provocato gli incendi.  All'interno fortunatamente non c'era nessuno e nessuno è rimasto intossicato ma le fiamme si sono propagate in fretta perché i locali sono stipati di materiale cartaceo, mobili di legno, arredi vari, rifiuti e materiale di risulta. I vigili del fuoco (sul posto 3 aps e due botti) hanno lavorato ore per mettere in sicurezza tutte le aree interessate. Ora la palla passa agli inquirenti che dovranno risalire agli autori del gesto. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Ma quale gigante buono? Quale raptus? Basta superficialità sui femminicidi»

  • La sorella di Elisa scrive a Massimo Sebastiani: «Piangi? Ormai sei il mio incubo»

  • Muore a 22 anni dopo lo schianto contro un terrapieno, trovata dopo diverse ore

  • Massimo scrive di una busta misteriosa: un affare li avrebbe potuti dividere e lui l'ha uccisa?

  • «Salvini con il rosario in mano? A Cortemaggiore si è anche inginocchiato in chiesa, magari facessero tutti così»

  • Per alcune notti Massimo ha vegliato Elisa nel bosco e ha dormito accanto al suo corpo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento