rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Incendi nei boschi, da oggi scatta lo "stato di grave pericolosità"

Introdotto il divieto assoluto di accendere fuochi o utilizzare strumenti che producano fiamme, scintille o braci, all’interno delle aree forestali. E' vietato accendere fuochi di legna o residui vegetali. Inasprite le sanzioni per chi appicca incendi dolosi

Scatta venerdì 14 luglio in tutta l’Emilia Romagna “lo stato di grave pericolosità” per quanto riguarda il rischio di incendi nei boschi. Il provvedimento, che dovrebbe protrarsi fino a domenica 27 agosto, è stato emanato dal direttore dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, Maurizio Mainetti, d’intesa con la Direzione regionale dei Vigili del Fuoco e il Comando Regione Carabinieri Forestale.

Viene così introdotto il divieto assoluto di accendere fuochi o utilizzare strumenti che producano fiamme, scintille o braci, all’interno delle aree forestali; è vietato accendere fuochi di legna o residui vegetali; è proibita la pulizia dei pascoli e dei terreni mediante abbruciamento delle stoppie. E vengono inasprite le sanzioni per chi appicca incendi dolosi.

Chi viola le prescrizioni o adotta comportamenti che possono innescare un incendio boschivo rischia sanzioni fino a 10mila euro. Sotto il profilo penale, è prevista la reclusione da 4 a 10 anni, se l’incendio è provocato volontariamente in maniera dolosa; da 1 a 5 anni, se viene causato in maniera involontaria, per negligenza, imprudenza o imperizia. Chi provoca un incendio può essere condannato al risarcimento dei danni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi nei boschi, da oggi scatta lo "stato di grave pericolosità"

IlPiacenza è in caricamento