menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La scena dell'incidente (foto Trespidi) e, a lato, Marco Cattivelli

La scena dell'incidente (foto Trespidi) e, a lato, Marco Cattivelli

Si schianta contro una casa e muore mentre va al lavoro, «Marco Cattivelli era un bravo giardiniere»

A 56 anni ha perso la vita mentre raggiungeva i colleghi a Caorso per iniziare i lavori al verde pubblico. Intorno alle 8, forse a causa di un malore, ha perso il controllo del suo camioncino e si è schiantato contro il muro di una casa. Inutili i soccorsi

Aveva dato appuntamento ai suoi dipendenti in centro paese a Caorso. Marco Cattivelli, 56enne di Cadeo, qualche anno fa aveva vinto l’appalto per la cura del verde pubblico nel comune della Bassa piacentina e questa mattina, sabato 9 maggio, lui e i suoi uomini avrebbero dovuto ricominciare le operazioni di sfalcio dell'erba. Sul luogo di lavoro non è mai arrivato: Cattivelli ha perso la vita poco dopo le 8 in seguito ad un incidente avvenuto alle porte del paese.

LA DINAMICA - «Non si era mai sposato, era un bravo giardiniere e ci siamo sempre trovati molto bene con lui e la sua ditta», dicono Roberta Battaglia e Stefano Gandolfi, sindaco e vicesindaco del Comune di Caorso. Il 56enne questa mattina era a bordo del suo furgone, un camioncino cassonato con all’interno gli attrezzi che avrebbe dovuto utilizzare insieme ai suoi colleghi. Stava arrivando dalla strada di Muradolo, probabilmente dopo aver lasciato la sua abitazione a Saliceto di Cadeo, quando all’altezza dell’incrocio con la Provinciale 10 avrebbe perso il controllo del veicolo, forse a causa di un malore. A questo punto il mezzo, che pare viaggiasse a velocità sostenuta, ha attraversato la Provinciale per poi scavalcare il guardrail dalla parte opposta e atterrare in un giardino, dopo un volo di alcuni metri. Poi lo schianto contro il muro di una casa.

ABITAZIONE INAGIBILE - «Nella villetta vive una coppia e la struttura ora è inagibile» - spiega il vicesindaco di Caorso che, insieme a Battaglia, è stato subito informato dell’accaduto. La parte anteriore del furgone è letteralmente penetrata all’interno dell’abitazione, abbattendo parte del muro laterale dell’ingresso. I proprietari in quel momento si trovavano in casa e stavano facendo colazione quando hanno udito il boato e si sono ritrovati, da un momento all’altro, un camioncino all’interno della loro casa e un grosso buco nella parete. Complicato il lavoro per i vigili del fuoco di Piacenza che, per più di mezz’ora, sono stati impegnati sul posto per liberare l’uomo dalle lamiere della cabina di guida e, successivamente, per mettere in sicurezza la scena e accertarsi della stabilità della struttura della casa. Per i sanitari del 118 arrivati da Roveleto e da Parma con automedica ed elicottero (con loro anche i volontari della Pubblica di Monticelli) purtroppo il compito è stato soltanto quello di constatare il decesso dell’uomo: inutile ogni tentativo di rianimarlo. I carabinieri di Caorso, Monticelli e quelli del Norm di Fiorenzuola hanno compiuto tutti gli accertamenti del caso, utili a stabilire l’esatta dinamica dei fatti, mentre l’impresa funebre “Montani” si è occupata del recupero della salma. «Sono costernato», ha detto Marco Bricconi, sindaco di Cadeo, appena ha appreso la tragica notizia. «Quando ci incontravamo ci salutavamo sempre in paese, era una gran brava persona».

Il video dei soccorsi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Usb: «Non saremo con i Si Cobas davanti alla Cgil»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento