rotate-mobile
Cronaca / Cortemaggiore / Via Giuseppe Galluzzi

Legate da un tragico destino: Anna Mazzini travolta da un'auto dove perse la vita l'amica

Tragedia a Cortemaggiore in via Galluzzi. Un'80enne è stata travolta e uccisa da un'auto mentre era in sella alla sua bicicletta. Due anni fa un incidente simile non lasciò scampo all'amica Luisa Allegri

Due amiche legate da un tragico destino, a distanza di poco più di due anni. In via Galluzzi a Cortemaggiore a luglio 2020 perse la vita a 85 anni, travolta da un’auto mentre era in sella alla sua bicicletta, Luisa Allegri. Lungo la stessa strada, a pochi metri da quell’incidente, nel pomeriggio di martedì 9 agosto un’auto ha travolto e ucciso una sua amica. Si chiamava Anna Mazzini e a febbraio aveva compiuto 80 anni. Anche lei, intorno alle 16.30, percorreva quella strada in sella ad una bici, ma un’automobilista che non si sarebbe accorto dell’anziana, l’avrebbe centrata in pieno, trascinandola sul parabrezza per diversi metri di distanza. Anna Mazzini abitava a pochi passi da luogo in cui ha incontrato la morte e qui subito sono arrivati i parenti che hanno appreso quella tragica notizia che mai avrebbero voluto sentire. L’80enne lascia il marito e un figlio. Quest’ultimo ha assistito in lacrime alle manovre di soccorso fino a quando medici e infermieri del 118 si sono visti costretti a constatare il decesso e a coprire la salma con il telo bianco, in attesa del nulla osta del magistrato di turno per rimuoverla. Mazzini come Allegri era impegnata da anni in parrocchia e in paese era molto conosciuta. «Si è sempre spesa per la comunità parrocchiale - ricorda don Paolo Chiapparoli -: la scorsa domenica aveva letto durante la Messa nella chiesa dei frati. Con lei prese vita la caritas di Cortemaggiore e si è sempre occupata della raccolta degli abiti».

L’INCIDENTE – Erano da poco passate le 16.30 quando i residenti all’inizio di via Galluzzi, la Provinciale che porta a Chiavenna e poi a Piacenza, hanno sentito un forte boato. Qualcuno è sceso in strada e si è trovato di fronte la donna stesa a terra con accanto la sua bicicletta. A decine e decine di metri di distanza, oltre duecento, c’era accostata sulla strada l’auto che l’ha travolta. A condurla era uomo, pare non della zona: avrebbe riferito di non aver visto l’80enne in sella alla sua bicicletta. Stando a quanto ricostruito in un primo momento dagli agenti della Polizia Stradale, sul posto con più pattuglie, pare che Mazzini stesse attraversando la strada alcuni metri prima, vicino alla sua abitazione. A quel punto sarebbe stata centrata in pieno dall’auto che l’ha sbalzata sul parabrezza e, poco dopo, a terra sull’asfalto. Il mezzo, invece, ha proseguito la corsa per almeno duecento metri. I testimoni, tra i quali un camionista che ha fermato in tempo il tir non appena ha notato la donna a terra, hanno chiamato i soccorsi e sul posto è arriva la Pubblica di Corte insieme all’automedica del 118 di Fiorenzuola e l’elisoccorso da Parma (atterrato al campo sportivo). Volontari, medico e infermiere hanno protratto a lungo le manovre di rianimazione, sotto gli occhi increduli di passanti, parenti e conoscenti della donna. Purtroppo, ogni tentativo è risultato essere vano. Via Galluzzi è rimasta chiusa al traffico per oltre due ore, per consentire agli agenti della Posltrada di ricostruire la dinamica nei minimi dettagli. In loro supporto sono arrivati i carabinieri del Radiomobile di Fiorenzuola. L’automobilista alla guida dell’auto che ha travolto la donna è stato sottoposto all’esame dell’alcoltest, risultando negativo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legate da un tragico destino: Anna Mazzini travolta da un'auto dove perse la vita l'amica

IlPiacenza è in caricamento