rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Incidenti stradali

«Era vivo e parlava. Poi la moto ha preso fuoco all’improvviso». Vittima ancora senza identità

La polizia municipale di Piacenza sta indagando per risalire al nome del motociclista morto carbonizzato di fianco alla sua moto dopo l'incidente all'incrocio con la strada di Borghetto. Il mezzo apparterrebbe a un 57enne di Cortemaggiore che vive solo. Una testimone scrive alla nostra redazione: «La moto si è incendiata mentre aspettavamo i soccorsi»

Non ha ancora un’identità certa il motociclista che ha perso la vita nel tremendo incidente avvenuto sul 30 aprile sulla Provinciale per Cortemaggiore all’incrocio con la strada per Borghetto, dove un’auto gli ha tagliato la strada: il motociclista è finito fuori strada e la sua moto ha preso fuoco bruciandolo vivo. 
Gli agenti della polizia municipale di Piacenza stanno cercando di identificarlo con certezza, ma è difficile perché i documenti sono bruciati insieme agli indumenti. La moto, in base alla targa, sarebbe intestata a un uomo di 57 anni che abita a Cortemaggiore dove, nella notte, si sono presentati gli agenti. Si tratta però di un individuo che vive solo, in una casa in affitto, senza alcun legame apparente, e non sarebbe nemmeno originario del Piacentino.

Nel frattempo emergono nuovi particolari sulla vicenda. Una testimone ha scritto alla nostra redazione spiegando quello che ha visto: «Sono arrivata pochi minuti dopo che l’incidente era accaduto. Il motociclista era ancora vivo perché io e un’altra signora gli abbiamo parlato. Poi, mentre aspettavamo l’arrivo dei soccorsi, la moto ha preso fuoco all’improvviso. Quelli dell’ambulanza non sono riusciti a soccorrerlo perché era pericoloso e dovevano aspettare l’arrivo dei vigili del fuoco».

Alcuni testimoni hanno riferito di aver visto anche un uomo che, prima che la moto si incendiasse, è andato vicino al mezzo e ha spento il motore rimasto acceso dopo lo scontro, girando le chiavi nel quadro. Ma questa persona pare che sia poi sparita nel nulla.

Ancora da chiarire come sia stato tecnicamente possibile l’incendio: la moto e l’auto che l’ha urtato sono state poste sotto sequestro. Non si esclude - ma è un’ipotesi - che dopo l’impatto con la Panda, il tappo del serbatoio della moto si sia rotto, provocando così la fuoriuscita della benzina addosso al motociclista rimasto semi cosciente di fianco alla dueruote. 

Scontro auto-moto, muore carbonizzato - ©IlPiacenza

GUARDA IL VIDEO

Schermata 2017-05-01 alle 01.31.42-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Era vivo e parlava. Poi la moto ha preso fuoco all’improvviso». Vittima ancora senza identità

IlPiacenza è in caricamento