menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I soccorritori sul luogo dell'incidente

I soccorritori sul luogo dell'incidente

«Non mi sono accorto di aver investito quella donna»

Lo avrebbe detto ai carabinieri il 30enne di Gragnano arrestato dopo la fuga dal luogo dell'investimento di una donna a San Nicolò

«Non me ne sono accorto». Sono queste le prime parole che avrebbe detto il 30enne di Gragnano arrestato dai carabinieri di San Nicolò per aver travolto il 14 giugno una donna sulla via Emilia, e bloccato dagli stessi militari a Sant’Antonio vicino alle Poste a bordo dell’auto che corrispondeva alla descrizione di quella fuggita, descritta dai testimoni e dai filmati delle telecamere. L'auto era del cugino. E’ accusato di lesioni colpose personali e omissione di soccorso in seguito a incidente stradale con feriti.
Con i carabinieri si sarebbe giustificato: «Non mi sono accorto di aver investito la donna. Preso dal panico sono scappato». 
Stando agli accertamenti eseguiti in caserma, l’uomo è risultato negativo ai test per la presenza di droga e alcol nel sangue, ed era regolarmente in possesso di patente. Ha molti precedenti per furto d’auto e incidenti in seguito a questi furti. Pare anche che, prima di travolgere la donna, abbia percorso contromano diverse centinaia di metri per superare le auto in coda al semaforo a forte velocità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento