Schianto e due morti, il 28enne davanti al giudice: «Non ricordo cosa è accaduto»

E' stato convalidato l'arresto del piacentino di 28 anni che l'altra sera era alla guida delle Mercedes che, durante una manovra di sorpasso sul rettilineo fra Chiavenna Landi e Cortemaggiore, ha causato il tremendo incidente nel quale hanno perso la vita sul colpo due giovani

E’ stato convalidato l’arresto del piacentino di 28 anni che l’altra sera era alla guida delle Mercedes - non di sua proprietà - che, durante una manovra di sorpasso sul rettilineo fra Chiavenna Landi e Cortemaggiore, ha causato il tremendo incidente nel quale hanno perso la vita sul colpo due giovani. Già con precedenti per guida in stato di ebbrezza, il ragazzo è stato interrogato dal giudice per le indagini preliminari Adele Savastano, ma l’indagato - difeso dall’avvocato Monica Testa - più volte avrebbe risposto con dei «Non ricordo». E’ accusato di omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza.
Il gip ha poi disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari nella sua abitazione di Piacenza. Intanto la polizia stradale di Piacenza prosegue gli accertamenti e gli approfondimenti per ricostruire nel dettaglio la dinamica dello schianto che aveva coinvolto anche una terza auto, i cui passeggeri, fortunatamente, erano rimasti tutti illesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Cade dalle scale di casa e batte la testa, è grave

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Solo in Italia e ricoverato in ospedale a Piacenza, i poliziotti delle volanti si prendono cura del suo cane

Torna su
IlPiacenza è in caricamento