Scontro all'incrocio in via Cella, auto abbatte palo della luce. Donna ferita

Carabinieri, Croce rossa e vigili del fuoco sono accorsi all'incrocio con via Morigi all'alba del 23 maggio

I soccorritori sul luogo dell'incidente

Una donna piacentina 36enne è rimasta ferita nell’incidente stradale avvenuto all’alba di lunedì 23 maggio all’incrocio tra via Cella e via Morigi. Era alla guida di un pick-up Mitsubishi che si è scontrato violentemente con una Fiat Punto che la precedeva. Dopo l’impatto, la vettura ha travolto un palo della luce che è stato abbattuto. I rilievi sono stati condotti di carabinieri del Nucleo Radiomobile di Piacenza che stanno accertando l’esatta dinamica. 
Da una prima ricostruzione pare che intono alle 6,30 le due auto stessero percorrendo via Cella in direzione di via Bianchi. Vicino all’incrocio con via Morigi però il pick-up ha colpito in pieno l’utilitaria che lo precedeva, e bordo della quale c’era una ragazza piacentina di 24 anni. L’urto è stato violento e la prima vettura, perso il controllo, è finita contro un palo dell’illuminazione in mezzo allo spartitraffico.
Sul posto, insieme ai carabinieri, sono subito intervenuti i soccorritori del 118 con l’ambulanza della Croce Rossa e anche i vigili del fuoco che hanno aiutato i sanitari ad estrarre la 36enne dall’abitacolo. Trasportata all’ospedale in ambulanza, le sue condizioni non sono fortunatamente preoccupanti. Illesa invece la giovane alla guida della Punto che però è risultata positiva all'etilometro con un valore di 0,80. Per lei il ritiro della patente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento