rotate-mobile
Cronaca Castelvetro Piacentino / Via Roma

Incinta va a rubare nelle case, nomade arrestata a Monticelli

La ragazza, proveniente da un campo nomadi di Brescia stava forzando la porta di un'abitazione con un complice di 16 anni. Arrestati dai carabinieri, la ragazza è stata processata per direttissima e ha patteggiato otto mesi

Si stava allontanando con il complice quando i carabinieri l’hanno fermata e arrestata. Ha patteggiato, questa mattina, 22 aprile, la nomade di 20 anni accusata di tentato furto in una abitazione di Monticelli. La giovane, incinta al sesto mese, ha patteggiato otto mesi di reclusione ed è tornata in libertà.

La ragazza, di origine croata e proveniente dal campo nomadi di Brescia, ieri era stata notata nel giardino di una abitazione a Castelvetro. Con un complice, che ha detto di avere 16 anni, era stata però notata mentre cercava di forzare la porta di casa con un  grosso cacciavite. Mentre alcuni vicini telefonavano ai carabinieri fornendo dettagliate informazioni sulla coppia, scattava l’allarme. I due fuggivano di corsa, abbandonando sul posto gli attrezzi da scasso. Fatti pochi metri, però, venivano fermati dai militari della stazione di Monticelli. Questa mattina, il processo davanti al giudice Maurizio Boselli. Il pm Antonio Rubino, dopo la convalida dell’arresto da parte del giudice, ha accolto la richiesta di patteggiamento del difensore della giovane, l’avvocato Paola Battisti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incinta va a rubare nelle case, nomade arrestata a Monticelli

IlPiacenza è in caricamento