Iren, il nuovo presidente è Paolo Peveraro

Ha origini piacentine il neo presidente della multiutility che succede a Francesco Profumo

Ha origini piacentine il nuovo presidente dell’azienda Iren. È infatti di Castelsangiovanni Paolo Peveraro, classe 1959,  scelto per succedere al presidente uscente Francesco Profumo alla guida della multiutility che gestisce acqua e rifiuti nei territori di Piacenza, Torino, Genova, Parma e Reggio Emilia. L’elezione è avvenuta durante l’assemblea dei soci del 9 maggio. Peveraro ha avuto una lunga carriera politica a Torino dove ha ricoperto l’incarico di assessore in più mandati, per poi diventare vicepresidente della Regione Piemonte. Nel recente passato è stato anche membro del collegio del collegio sindacale di Iren.

«Nel corso degli anni – ha detto a caldo Peveraro dopo l’elezione - ho avuto modo di osservare da vicino la realtà Iren, sia nell’ambito dei ruoli istituzionali rivestiti sia in qualità di Presidente del Collegio Sindacale della società. Conosco e apprezzo le competenze professionali presenti in azienda, le eccellenze industriali e la qualità del servizio offerto dal Gruppo. Sono orgoglioso di ricoprire questo importante incarico in una delle principali utilities del nostro Paese, attore di rilievo nei propri territori di riferimento. Nel solco della continuità con il Presidente uscente Francesco Profumo, cui vanno i miei più sentiti ringraziamenti per l’eccellente lavoro svolto, mi impegnerò affinchè Iren possa continuare a recitare un ruolo da protagonista nel sistema economico del Paese  e rappresentare un polo di aggregazione per ulteriori realtà locali con sempre maggiore attenzione all’ascolto e al dialogo con i propri territori e mantenendo una costante vocazione all’innovazione e all’efficienza che si traducono in miglioramento della qualità del servizio offerto ai cittadini e ai propri clienti».

«Al termine di questa esperienza in Iren – ha dichiarato il presidente uscente Francesco Profumo - desidero anzitutto ringraziare il personale dell’azienda. Ho trovato in Iren un grande patrimonio di esperienza e competenza e questo rappresenta un valore aggiunto molto importante. Ringrazio anche i componenti del Consiglio di Amministrazione e i soci che mi hanno supportato con competenza e passione nel mio lavoro. Sono molto soddisfatto di quanto è stato fatto in questi tre anni come dimostrano i risultati economici e i dati del bilancio di sostenibilità che abbiamo recentemente approvato. All’inizio del mio mandato mi ero posto l’obiettivo di fare di Iren, che già era un’eccellenza nazionale, un soggetto di livello europeo capace di confrontarsi con le maggiori aziende di multiservizi del vecchio continente. Posso dire che abbiamo lavorato bene, la società è cresciuta e si è riorganizzata con un focus particolare su quattro fronti: l’innovazione, l’attenzione al territorio e ai clienti, la razionalizzazione organizzativa e l’information tecnology. Auguro al nuovo Presidente e al nuovo Consiglio di Amministrazione un buon lavoro per portare la nostra Iren verso nuovi e ancora più stimolanti traguardi». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento