Ironizza su Facebook su un africano sull’overboard, consigliere comunale a processo

Marvin Di Corcia (Lega Nord) è accusato di diffamazione aggravata dall’odio razziale. L’imputato aveva subito cancellato il post, chiesto scusa e risarcito il giovane ma il processo è andato a avanti perché l'aggravante fa diventare il reato d’ufficio

Marvin Di Corcia

Aveva pubblicato un post su Facebook che ritraeva un immigrato africano su un overboard, commentando la stranezza che un clandestino si comprasse e girasse con il “volopattino”. Dopo le prime critiche il post era stato rimosso, anche perché l’autore si era accorto di conoscere quel ragazzo. Anzi, al ragazzo erano state porte le scuse ed era stato invitato a bere una birra. Tutto questo, però, non gli ha evitato un processo con l’accusa di diffamazione aggravata dalla finalità di odio razziale (inserita dalla Legge Mancino del 1993). 

Si è presentato in aula nella mattinata del 13 novembre, Marvin Di Corcia (neo consigliere comunale della Lega Nord), dove è stato sentito dal giudice Ivan Borasi, pm Paolo Maini. Il giovane, difeso dall’avvocato Annalisa Cervini, ha spiegato la vicenda avvenuta nel settembre del 2015. La foto mostrava il giovane sull’overboard lungo via Caorsana. Uscito il post, il giovane senegalese, immigrato regolare, - oggi 23enne - aveva sporto querela per diffamazione e la procura aveva poi contestato l’aggravante della discriminazione razziale. Il consigliere leghista ha scelto il rito abbreviato un rito che, in caso di condanna, consente di ottenere lo sconto di un terzo della pena.

Di Corcia aveva eliminato il post dopo alcune ore, scritto una lettera di scuse e invitato il ragazzo - con il quale in passato avevano giocato a rugby insieme - a bere una birra. Non solo, l’immigrato era anche stato risarcito e si era detto disposto a rimettere la querela. Un atto che, però, non è stato possibile perché proprio quell’aggravante fa sì che si proceda d’ufficio. L’udienza è stata rinviata per la discussione, di accusa e difesa, e per la sentenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento