rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Cronaca

Irregolari e pluripregiudicati trovati a bivaccare, uno spacca anche la caserma

Tre marocchini sono stati controllati tra via Camia e Largo Erfurt dai carabinieri e sono stati portati in via Beverora e poi condotti ai Cpr dalla polizia per l'espulsione

Avrebbero dovuto lasciare l’Italia perché colpiti dall’ordine di allontanamento del questore e invece erano seduti su una panchina a bere tra via Camia e Largo Erfurt. Erano in quattro marocchini e solo uno di questi aveva regolare permesso di soggiorno, gli altri tre di 37, 25 e 44 anni sono stati portati in caserma dalla pattuglia dei carabinieri che li aveva controllati verso le 15. Tutti e tre sono pluripregiudicati per una sfilza di reati: maltrattamenti in famiglia, rapina, lesioni, porto abusivo di armi, furto, danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale, spaccio.

I tre sono stati sottoposti alle procedure di identificazione etc e dopo aver passato la notte in caserma sono stati messi a disposizione dell’Immigrazione della questura e sono stati portati ai Centri di Permanenza per i Rimpatri di Gradisca di Isonzo, Torino e Milano, infine sono state attivate le procedure consolari che consentiranno l’accompagnamento diretto in Marocco.

Il 37enne è riuscito a rimediare nel frattempo una denuncia per danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale perché mentre i militari erano impegnati nelle procedure, ha tenuto un comportamento violento, poco collaborativo fino ad arrivare a spaccare una panca e la porta dell’ufficio della caserma, non solo ha spaccato il suo cellulare e ha sostenuto di aver ingerito qualcosa di tagliente. Portato al pronto soccorso i sanitari hanno verificato che era in perfetta salute. Si sottolinea - fa sapere la questura - che la collaborazione tra la polizia e l’Arma dei carabinieri ha consentito in tempi rapidissimi la gestione dei tre pregiudicati prossimi al rimpatrio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Irregolari e pluripregiudicati trovati a bivaccare, uno spacca anche la caserma

IlPiacenza è in caricamento