Irrigazione, piscine e lavaggio auto: si può usare l'acqua potabile due ore al giorno

E’ stata firmata mercoledì 5 luglio, l’ordinanza sindacale che sancisce una fascia oraria giornaliera, dalle 23 all’una di notte, per l’utilizzo dell’acqua potabile dalla rete idrica comunale a scopo di irrigazione di giardini e orti, lavaggio di automezzi, strade e cortili, nonché per il riempimento di piscine

Foto web

E’ stata firmata mercoledì 5 luglio, l’ordinanza sindacale che, a modifica e integrazione di quella emanata il 14 giugno, sancisce una fascia oraria giornaliera – dalle 23 all’una di notte – per l’utilizzo dell’acqua potabile dalla rete idrica comunale a scopo di irrigazione di giardini e orti, lavaggio di automezzi, strade e cortili, nonché per il riempimento di piscine. Al fine di salvaguardare le risorse idriche per uso domestico, alimentare e igienico-sanitario, l’uso per le altre attività citate è proibito al di fuori delle due ore in questione. L’inosservanza di tali disposizioni prevede una sanziona amministrativa compresa tra i 25 e i 500 euro. 

Il provvedimento – a deroga dell’ordinanza precedente (la n. 229 del 2017), che stabiliva il divieto assoluto di uso dell’acqua potabile per tali scopi – è stato assunto a seguito della comunicazione di Ireti Spa sull’ottimizzazione avviata nella distribuzione sulla rete idrica, con l’obiettivo di ridurre i disagi per le utenze servite dall’acquedotto pubblico.  

L’invito rivolto ai cittadini resta quello di limitare il consumo di acqua potabile mettendo in atto ogni possibile cautela in tal senso. Si sottolinea inoltre che per il riempimento o reintegro di piscine i proprietari dovranno prendere preventivo contatto con Ireti Spa per concordare le modalità e le precauzioni da adottare durante l’operazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento