menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Anm a Salvini: «Delegittima la magistratura, non spetta a lui decidere la pena»

L’associazione nazionali magistrati interviene dopo la visita del vicepresidente del Consiglio e ministro dell’interno Matteo Salvini al carcere di Piacenza per incontrare Peveri e Botezatu

«Siamo costretti ancora una volta a fare chiarezza su quelli che sono i compiti che la Costituzione assegna a ciascuna istituzione. Le decisioni in merito alle modalità e alla durata di una pena detentiva spettano non al Ministro dell'Interno Matteo Salvini, che oggi ha fatto visita a un detenuto condannato con sentenza passata in giudicato, ma solo alla magistratura, che emette le sentenze in modo rigoroso e applicando le leggi dello Stato». Lo dice la Giunta Esecutiva Centrale dell'Associazione Nazionale Magistrati in merito alle parole del ministro dell'Interno Matteo Salvini dopo la visita in carcere ad Angelo Peveri, condannato insieme al suo dipendente Gheorge Botezatu, per il tentato omicidio di uno dei tre ladri romeni che furono sorpresi a rubare la notte dell'11 ottobre del 2012 nel suo cantiere. Peveri lo ferì gravemente con un colpo di fucile. «Ogni tentativo di stravolgere queste regole rende un cattivo servizio e veicola una messaggio sbagliato ai cittadini, viola le prerogative della magistratura, delegittima il sistema giudiziario ed è contrario allo Stato di diritto e ai principi costituzionali, al cui rispetto dovrebbero concorrere tutti, specialmente chi ricopre importanti incarichi di Governo», chiude l'Anm.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento