menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il feretro

Il feretro

L'ultimo saluto a Prospero Cravedi a Borgotrebbia: «Sarai il fotografo del cielo»

In tanti hanno voluto rendere l'ultimo saluto a Prospero Cravedi. I funerali sono stati celebrati nella chiesa di Borgotrebbia. Don Cesena: «Ha raccontato la vita della nostra città con un talento naturale per il bene e per il bello. Volergli bene era inevitabile»

«Per tanti anni Prospero Cravedi è stato i nostri occhi. Ha raccontato la vita della nostra città con un talento naturale per il bene e per il bello. Volergli bene era inevitabile. Ora sarà il fotografo del cielo». Così don Pietro Cesena nell'omelia durante i funerali del fotografo 80enne che si sono svolti nella chiesa dei Santi Angeli Custodi a Borgotrebbia nella mattinata del 25 agosto. Tantissime le persone che hanno voluto rendere l'ultimo saluto al fotografo della città che è spirato all'alba del 23 agosto. 

«La sua attenzione per i più poveri e la collaborazione con Don Vittorione e Africa Mission dimostrano che voler bene è possibile, spendersi per gli altri è la chiave di volta delle nostre vite. Il seme che ha seminato Prospero diventi frutto con l'aiuto del Signore. In'epoca in cui le persone sono sole come non è mai successo nella storia, abbiamo bisogno di scoprire di nuovo il valore della solidarietà. Ognuno di noi gli è riconoscente in qualche modo, facciamo sì che ciò che ha fatto nella sua vita non sia vano» continua il sacerdote. La collega Maria Vittoria Gazzola lo ha voluto ricordare all'inizio della cerimonia funebre con un breve racconto: «Quando Prospero andava in Uganda attirava i bambini come il miele le api. Gli volevano bene e i suoi scatti, meravigliosi, lo dimostrano». Accanto alla moglie Angela, che portava in grembo, la macchina fotografica del marito, i figli con le famiglie e i nipoti. Presenti anche il sindaco Paolo Dosi, l'ex primo cittadino Giacomo Vaciago, l'essessore regionale Paola Gazzolo e l'avvocato Corrado Sforza Fogliani, oltre ad altre autorità piacentine e la stampa. Un caloroso applauso ha poi accompagnato il feretro all'uscita dalla chiesa. 

Il ringraziamento della moglie e dei figli

"Nel giorno in cui il caro Prospero - fa sapere la moglie Angela con i figli Ettore e Gianni - è partito per il suo ultimo viaggio la famiglia vuole ringraziare i tanti amici, le autorità civili, politiche, religiose, le associazioni, i colleghi, la stampa e tutte le persone che con ogni mezzo hanno espresso vicinanza e cordoglio.  La grande quantità di messaggi di affetto che ci hanno raggiunto e le bellissime parole sono state di grande aiuto e conforto. Prospero è stato un bravo fotografo ma soprattutto una persona di grande umanità e sensibilità. Ha fotografato la sua città e buona parte del mondo lasciandosi coinvolgere e partecipando sempre con passione, ha costruito rapporti autentici e diretti entrando sempre in sintonia con tutte le persone che incontrava.  Ha saputo raccontare qualsiasi ambiente e le diversità con spirito di apertura, generosità e una curiosità tipica dei bambini, che non hanno pregiudizi.  Una trasversalità che ha unito per esempio, chiesa e comunità islamica nei ringraziamenti ricevuti. Siamo sicuri che tutto quello che ci ha lasciato, lo sguardo sensibile, le sue bellissime foto, la sua amicizia, la sua bontà, i suoi sorrisi, siano un valore e una ricchezza per tutti che non ci lascerà mai".

Il Pd: “Cravedi, eccellente professionista e grande uomo: ci mancherà”

Nessuno come Prospero Cravedi ha saputo essere testimone appassionato e attento della crescita della città che amava tanto, Piacenza. Con lui viene a mancare non solo un professionista di rara eccellenza, ma anche un uomo dall'intelligenza sempre viva, capace di strappare un sorriso indistintamente a tutte le persone che ha incontrato sul suo percorso. Chi lo ha conosciuto - e tantissimi nel Partito Democratico hanno avuto questa fortuna - ha apprezzato la sua passione lavorativa, la sua generosità e la sua bontà d'animo. Prospero Cravedi mancherà tantissimo a tutti noi, così come mancheranno i suoi preziosi scatti d'autore. Il Partito Democratico di Piacenza si stringe in un forte abbraccio alla famiglia Cravedi, alla moglie Angela, ai figli Ettore e Gianni, e all'assessore comunale Giulia Piroli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento