La Polizia di Stato celebra i suoi uomini: «Sempre con i cittadini. Presto sei nuovi agenti»

Nel salone del Palazzo Gotico si è tenuta nella mattinata del 26 maggio la festa della Polizia di Stato nel 164esimo anniversario della fondazione del corpo. Il questore: «Siamo sempre al fianco dei cittadini». Premiati gli agenti che si sono distinti

Un momento della cerimonia (foto Gatti)

Nel salone del Palazzo Gotico si è tenuta nella mattinata del 26 maggio la festa della Polizia di Stato nel 164esimo anniversario della fondazione del corpo. Il questore Salvatore Arena ha tracciato il bilancio dell'attività della questura nell'ultimo anno: «Abbiamo ispirato la nostra metodologia d’intervento alla qualità, alla progettualità di medio e lungo periodo, ad una puntuale ed attenta pianificazione e dislocazione delle risorse disponibili, ad una più ampia e completa difesa del territorio, eliminando ogni forma di duplicazione e sovrapposizione, per meglio impiegare le risorse umane disponibili. Al riguardo, posso anticipare che è stato disposto il rafforzamento dell’organico con l’assegnazione di 6 poliziotti del ruolo agenti e assistenti, 2 dei quali arriveranno entro la fine del prossimo mese e gli altri entro novembre», spiega Arena.

CONTROLLI - «In particolare l'attività  di controllo è stata, prevalentemente ma non esclusivamente, focalizzata su determinati punti sensibili del territorio anche a seguito di sollecitazioni dei cittadini stessi. In proposito oggetto di particolare attenzione sono: i terminal della mobilità piacentina segnatamente la stazione ferroviaria, il parcheggio Sant’Ambrogio, la nuova Autostazione con annessa via dei Pisoni e sottopasso ferroviario nonché la via di collegamento tra l’autostazione ed il terminal delle Ferrovie, i luoghi di prima aggregazione ove si sono determinati problemi di convivenza e di degrado: Porta Galera, Via Colombo, Via Roma, Via Torricella, Giardini Margherita e Giardini Merluzzo, le zone d’insediamento delle seconde generazioni d’immigrati: Viale Dante e Via Manfredi nella parte bassa, le aree a ridosso degli svincoli autostradali che sono fra le più colpite da reati contro il patrimonio da una criminalità di passaggio proveniente da altri territori».

REATI - «Per ciò che riguarda la provincia di Piacenza i numeri relativi ai delitti denunciati all’autorità giudiziaria parlano di una diminuzione dei reati in genere pari al 18%. Il dato più in significativo, circa il 20%,concerne i furti in esercizi commerciali, in auto in sosta, di autovetture, i borseggi, le rapine e le estorsioni. Resta sostanzialmente invariato rispetto all’anno precedente la percentuale che riguarda i furti in abitazione, le denunce per tentato omicidio e violenza sessuale. Mentre sono in aumento, in media del 10%,le denunce in materia di stupefacenti, frode informatica, lesioni dolose, sfruttamento della prostituzione e truffa ai danni di anziani ad opera di criminali senza scrupolo che, facendo leva su fragilità e solitudine delle vittime, ne sottraggono gli oggetti più cari e la stessa dignità.

"DENUNCIATE SEMPRE" - «Particolare attenzione è stata dedicata, come ho già detto, ai reati predatori, la cui attività di contrasto in questa realtà ha avuto come finalità prevalente quella di reprimere tale fenomeno, con significativi risultati in termini di denunce ed arresti in flagranza. Né può accettare l’affermazione di chi sostiene che tale dato sia poco rispondente alla realtà poiché molti sarebbero i delitti non denunciati. Comprendo il senso di sfiducia ed impotenza che colpisce il cittadino quando è vittima di episodi simili ma non denunciare è pur sempre un favore al nemico. Riferire alle forze dell’ordine eventuali particolari su un fatto delittuoso, (un particolare capo di abbigliamento, un tatuaggio o una caratteristica fisiosomatica del reo) o consentire alle stesse di potere effettuare o acquisire rilievi (un’impronta) sul bene tutelato rappresentano elementi utili alle indagini che possono rilevarsi importanti anche a distanza di tempo. Ogni denuncia del cittadino rappresenta un patrimonio importante ed indispensabile per le forze dell’ordine». 

I DATI - «La proficua attività della Divisione Anticrimine ha consentito l’emissione di 85 Fogli di via obbligatori, 45 Avvisi orali, 3 proposte di sorveglianza speciale, 6 Ammonimenti del Questore per stalking. Prezioso, inoltre, è stato il lavoro del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica che ha svolto oltre 120 Sopralluoghi e più di 5000 Fotosegnalamenti. L’attività della Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale, si è concretizzata nel rilascio di 6200 passaporti inclusi anche i diversi documenti validi per l'espatrio, 671 rilasci di licenze per porto fucile uso caccia e 1133 per uso tiro a volo, 600 informazioni alla Prefettura per il rilascio o rinnovo di porti pistola, oltre a 210 provvedimenti di rilascio licenze di lavorazione e commercio preziosi, scommesse, agenzie di affari, volo da diporto, gas tossici ed altro. Anche con l’ausilio dell’UPGSP e del RPC di Reggio Emilia sono state controllate numerose attività sottoposte ad autorizzazione di polizia ed elevate 13 sanzioni amministrative con la chiusura di 4 di esercizi pubblici, per un totale complessivo 44 giorni e 7 persone deferite all’A.G. Notevole il lavoro svolto dall’ufficio immigrazione che ha rilasciato e rinnovato 9488 permessi di soggiorno per motivi di lavoro subordinato, familiare e politico. Sono stati, inoltre, emessi: 45 decreti di accompagnamento alla frontiera; 32 decreti di trattenimento presso CIE; 204 ordini del Questore a lasciare il territorio nazionale; eseguiti 283 provvedimenti di espulsione del Prefetto. Al riguardo significativo il dato relativo agli 842 rilasci di permesso di soggiorno per asilo politico che ha registrato un aumento di quasi il 300% in un anno a seguito delle quotidiane richieste di protezione internazionale ad opera dei profughi. Alla data del 20 maggio sono 552 gli extracomunitari ospitati in questa provincia rispetto ai 346 dell’anno precedente». 

Dopo la lettura dei messaggi del capo della polizia, Franco Gabrielli e del ministro dell'Interno, Angelino Alfano, sono stati premiati gli agenti che si sono distinti nell'attività di servizio:  I PREMI E GLI ENCOMI 2016. Presenti le più alte cariche civili e militari della nostra città e gli onorevoli Marco Bergonzi e Pierluigi Bersani. 

IL DISCORSO COMPLETO DEL QUESTORE SALVATORE ARENA

IL SINDCATO SIAP: «MANCANO ANCORA AGENTI IN QUESTURA»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Solo in Italia e ricoverato in ospedale a Piacenza, i poliziotti delle volanti si prendono cura del suo cane

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento